Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

venerdì 24 ottobre 2014

AVENGERS AGE OF ULTRON TRAILER IN UN MINUTO (così Matioski si incazza di nuovo)



Bentrovati, Popolo della Rete, alla recensione in un minuto di lettura del Trailer (da 2 minuti) di Avengers Age Of Ultron, il Cinecomics che tutti noi stavamo aspettando. BELLO. MOLTO BELLO. MOLTO MOLTO MOLTO BELLO. Bene, passiamo ad altro. Vorrei consigliarvi un Album di una della Band con la quale sono cresciuto, i Linkin Park, ovvero l'ultimo uscito qualche mese fa, The Hunting Party. Il Disco presenta sonorità nuovissime nel repertorio dei Linkin Park, con un riavvicinamento al Metal duro e puro e a un fraseggio Rapper che negli ultimi Album si era quasi completamente perso. Eccezionali le partecipazioni di Daron Malakian, il Chitarrista dei System of a Down, di Tom Morello, il Leggendario Chitarrista dei Rage Against The Machine, e di tanti altri artisti di fama Mondiale. Un Album che mi ha sorpreso in tutto e per tutto, forse l'ultimo grande Lavoro di una Band che si era un po' persa in una Techno parecchio scadente. Bene, spero vi abbia invogliato all'Ascolto di questo bel CD, noi ci vediamo a un prossimo Post. CIAOCIAO





P.S. se ve lo state chiedendo sì, il Titolo è per raccattare views facili

mercoledì 22 ottobre 2014

Top Manga #TOTALETOMBALE (Parte 2: Shojo)

Bene, e arriviamo alle Note Rosa, Popolo della Rete. Benvenuti alla Top Shojo #TOTALETOMBALE!!! Come scritto nella prima parte, la Top Shonen (che trovate QUI per gli stronzi che non l'hanno letta). Quindi, non perdiamo ulteriormente tempo e immergiamoci in questa piccola Top! MA PRIMA, PREMESSE DEL CAZZO 2.0!

La Top è ovviamente ed esclusivamente PERSONALE, quindi non incavolatevi se non ho inserito altra Roba, perché:
-1) Non leggo molti Shojo, quindi è per questo che sono pochi, ed è per questo che mancheranno quelli che per qualcuno sono grandissimi Capisaldi di questo Target

-2) Ci saranno ovviamente quelli che mi sono piaciuti (E qua ci starebbe bene un "E grazie al cazzo!") di quei pochi Shojo che ho letto

-3) Mi sono rotto il cazzo di scrivere 'ste premesse del Cazzo, quindi basta stronzate, e cominciamo!


5-LE SITUAZIONI DI LUI&LEI, DI MASAMI TSUDA

Cominciamo con un bel Shojo di vita scolastica. Quanti ne abbiamo letti (e visti) di Cartoni Animati ambientati al Liceo, con situazioni sentimentali e intrecci amorosi che manco il Peggio Beautiful poteva sfornare? Tanti, anzi troppi, ma Le Situazioni di Lui & Lei non è tra questi pastrocchi con tanti cuoricini e Smack Smack sotto la pioggia. Questo Manga mi ha colpito profondamente per l'incredibile Credibilità dello sviluppo di relazione di Yukino e Soichiro, i protagonisti della vicenda, e il Tema delle Maschere, presente nell'Opera e dal tremendo gusto Pirandelliano, rendono questo Shojo un piccolo gioiello. Consigliatissima anche la Serie Animata, ad opera del genio creatore di Evangelion Hideaki Anno.


4-LOVELY COMPLEX, DI AYA NAKAHARA

Continuando sul filone Sentimentale, come non poter citare uno dei Manga che più mi ha fatto ridere e appassionare negli ultimi anni? Lovely Complex presenta una Storia semplice e al tempo stesso molto, molto carina: cosa succederebbe se due tipi dal carattere tipicamente "Tsundere" (più o meno traducibile con forte, focoso, scorbutico) cominciassero a instaurare una Relazione? E' questo il caso di Risa e Atsushi, due ragazzi che si scontrano per qualsivoglia motivo, accomunati da tantissime cose, come il loro Fandom sfegatato per il Rapper Umibozu, e marchiati da tutti come coppia Comica della Scuola per il loro divario di altezza (Risa è alta 172 cm, ben al di sopra della media Giapponese, e Atsushi 152, ben al di sotto). Tuttavia, attaverso litigi, Traumi Adolescenziali, incontri e quant'altro, i due troveranno l'Amore proprio nella persona più inaspettata. Lo sviluppo della relazione di Risa e Atsushi mi ha divertito, emozionato e riscaldato come poche Opere, e sono più che fellice di metterlo in 4^ posizione. Anche qui, consigliatissima anche la Serie Animata.


3-MAGIC KNIGHT RAYHEART, DELLE CLAMP

Ma siamo sicuri che questo sia uno Shojo? Ebbene sì, è uno Shojo, per la precisione il mio genere di Shojo preferito, il Maho Shojo, o più comunemente detto Majokko. Arrivato con una trasposizione Animate CHE NON VI CONSIGLIO, Magic Knight Rayheart, qui in Italia "Una Porta Socchiusa Ai Confini Del Sole", (Non sto scherzando gente, lo hanno chiamato davvero così. #MEDIASETDIMERDA) presenta un gruppo di tre Studentesse, Hikaru, Umi e Fu, chiamate a difendere un Mondo parallelo al nostro, pieno di Magia e con Esseri presi dal Floklore Occidentale. Quello che rende Magic Knight Rayheart uno dei miei Shojo preferiti è il mondo Magico e lo stile unico che le CLAMP hanno creato per questa avventura divisa in due serie. E soprattutto, Porca Puttana, ci sono i Mecha! E SONO MECHA FICHISSIMI! Ecco il perché del 3° posto.


2-CARD CAPTOR SAKURA, DELLE CLAMP

Secondo posto per uno dei Majokko che, per me, ha riscritto le regole dei Majokko. Card Captor Sakura ha portato una riscrittura del Classico Manga con le Maghette, è parallelamente importante (per me) quasi quanto lo è stato Gundam nel genere dei Mecha. Lo sviluppo di diversi temi, tra Folklore Giapponese, quello del rispetto e delle varie Minoranze sia Etniche che Sessuali lo rende un'Opera Audace, Complessa e meritevole degli innumerevoli riconoscimenti e premi ottenuti. Sakura è un personaggio forte, determinato, che crede fortemente nell'amore e nell'amicizia, e i suoi comprimari sono fantastici e forti esattamente come lei. Uno dei migliori Manga che abbia mai letto, e con il quale ci sono cresciuto anche, dato che ho seguito insieme a mia sorella tutta la serie animata quando ero un pischello (E no, non sono effeminato, tranquilli).


1-PRETTY GUARDIAN SAILOR MOON,
DI NAOKO TAKEUCHI

Credo che questa posizione fosse più che scontata. Sailor Moon è stato uno dei Manga più innovativi e importanti della nostra generazione, portando una concreta Evoluzione nel genere Majokko. Ha introdotto tantissimi Temi spinosi, come l'Omosessualità, con i personaggi di Sailor Uranus e Sailor Neptune, confermata dall'Autrice stessa come coppia Lesbica. Tutto questo con combattimenti cruenti, dove le Guerriere Sailor rimanevano gravemente ferite e spesso ci scappava anche il morto. E' stato anche un grande Anime, dove lo zampino di Ikuhara si vede (VEDETEVI UTENA E MAWARU PENGUNDRIUM), con il quale tutti quanti noi ci siamo cresciuti se abbiamo avuto una sorella maggiore (o ovviamente se siete donne, penso sempre che mi leggano dei nerdoni rinchiusi in un'antro, proprio come me) che ti costringeva a guardarlo perché dopo facevano, come al solito, il Dragonball o il Saint Seiya di turno. Che poi, riguardanadoli, sia i CAVAGLIERI che Sailor Moon, mi domando ancora che differenza ci fosse tra la prima e la seconda serie. Comunque, il mio Shojo preferito. Di sempre. Ah, una piccola considerazione riguardo Crystal, la nuova serie Animata: mi fa schifo. PUNTO.



Bene, anche questa Top #TOTALETOMBALE è giunta al termine, spero vi siate divertiti a leggerla, se avete voglia di discuterne possiamo tranquillamente parlarne sotto il Blog, sarò felice di parlare con voi =). Noi ci vediamo con la prossima Top, che sarà la Seinen. CIAOCIAO





sabato 18 ottobre 2014

Top Manga #TOTALETOMBALE (Parte 1: Shonen)

SALVE POPOLO DELLA RETE, e Benvenuti a questa nuovissima CLASSIFICA!

UN'ALTRA CLASSIFICA?! CHE DUE COGLIONI!

Sì lo so, ne faccio troppe di Classifiche, ma c'è un motivo se le faccio: Sono facili da scrivere, rapide e divertenti da leggere, e danno spunti nel voler approfondire un determinato argomento. Quindi sì, ancora un'altra Classifica, ancora un'altra Classifica sui miei Manga preferiti. Nella scorsa Top Manga EVER (Che potete leggere QUI nel caso ve la foste persa, o anche per fare un semplice confronto) molte sono state le critiche mosse da alcuni di voi, tipo: "Eh, ma sono tutti Shonen e Seinen, non c'è nemmeno uno Shojo!" e roba di questo tipo. Quindi, in via del tutto speciale, ho deciso di rimettere mano alla mia Classifica sui miei Manga Preferiti in assoluto su tutti i generi che ho affrontato, e ci saranno non solo gli Shojo, ma anche gli HENTAI!!! 

L'APOTEOSI DEL PERVERSIONE TIME!!!

Quindi, senza perderci troppo in inutili chiacchiere, cominciamo questa scalinata, MA PRIMA, PREMESSE DEL CAZZO!

Come detto in tutte le sacrosantissime Classifiche Internettiane, questa mia PERSONALISSIMA Top non si prefigge come Vadevecum sui Migliori Manga in circolazione, ma su quelle che sono state, PER ME, le letture più interessanti, più divertenti e più emozionanti che ho affrontato nel panorama Fumettistico Nipponico, quindi Pochi Cazzi se non saranno presenti alcuni dei vostri Manga Preferiti Kawaii Desuné, OK? Poi, una cosa ancora più importante, siccome i generi (O Target che dir si voglia) sono differenti l'uno dall'altro, e siccome ci sono tantissimi Fumetti che meritano di essere letti in egual modo agli altri, ho deciso di dividere questa Top Manga nelle varie categorie: Shonen, Seinen, Shojo e il famigerato Hentai. La Top Shonen consterà di 15 Titoli, la Top Seinen ne conterrà 10, la Shojo sarà di soli 5 Titoli (Sì lo so, son pochi, ma in totale ne ho letti 5 nella mia vita) mentre la Top Hentai... Sorpresa! Beh, direi basta con queste chiacchiere inutili, e incominciamo la Top Shonen #TOTALETOMBALE


15-DEATH NOTE, DI TSUGUMI OHBA E TAKESHI OBATA

Ricominciamo di nuovo con Death Note. Perché continuo a mettere Death Note nelle mie classifiche? Perché Death Note, nel Bene e nel Male, ha dato una scossa al panorama dei Fumetti Orientali in tutto il Mondo. Sì, ha creato una miriade inimmaginabile di Giappominkia, ma si può veramente giudicare un'Opera semplicemente dal pubblico che l'ha fruito? Assolutamente no, e Death Note non è da meno. I punti che lo rendono un prodotto meritevole di una lettura possono essere differenti da persona a persona, per me ciò che ha spiccato di più sono stati gli scontri a colpi di strategia di L contro Kira, un'imposizione di regole fisse nell'utilizzo dei vari Quaderni della morte eccezionale e coerentissima, un Giallo Investigativo che, come ci insegnano tanti Serial Televisivi, acchiappa sempre, e la figura di L, un personaggio sfaccettato, imprevedibile e sicuramente molto interessante. Le cose che hanno rovinato quello che poteva essere un ottimo prodotto sono state una gestione a dir poco vergognosa dei successivi capitoli dopo la morte di L, un Light Yagami davvero insopportabile nelle ultime fasi del Manga, incapace di architettare mosse ardite per eliminare i suoi ostacoli (Della serie, avevi battuto L con un piano a dir poco geniale, ti sei fatto infinocchiare proprio sul più bello), un Finale altamente deludente e per nulla coinvolgente, e soprattutto la presenza di Near e Mello, personaggi creati a tavolino per attirare quante più ragazzine possibili che non sono riusciti a reggere narrativamente parlando la presenza onnipresente di L. Un occasione sprecata, per quello che poteva essere Veramente un gran bel Manga, sia narrativamente che artisticamente parlando.


14-SAINT SEIYA, DI MASAMI KURUMADA

Poteva forse mancare quello che è stato il Mito perenne della mia infanzia? Assolutamente no, e infatti Saint Seiya si becca la 14^ posizione. Il perché dello scalo dal 1° posto al penultimo (Lo capirete se leggete la precedente Top Manga)? Semplice, io sono un Fan sfegatato di Saint Seiya, ho praticamente visto e letto tutto quello che concerne i Branzini, e mi sono reso conto che il primo posto, nonostante la trasposizione Animata sia in assoluto il mio Anime preferito, il Manga non lo merita in egual modo. I pregi ci sono per carità, gli scontri ideologici tra i Cavalieri d'Oro e i Cavalieri di Bronzo riguardo la giustizia, così come il grandioso scontro tra Shaka e i tre Gold Saint resuscitati capitanati dal Fighissimo Saga meritano la Lettura, per non parlare poi dei design delle Armature, che mi hanno Galvanizzato fin da quando ero bimbo. Ma basta questo a rendere un Manga come Saint Seiya un buon Manga? Anzi, bastano solo questi punti per far chiudere un occhio sullo scempio Narrativo e Grafico che Kurumada ha messo in scena? Non prendiamoci in giro, Saint Seiya ha troppi, TROPPI difetti, a partire dal suo Protagonista, un imbecille completo senza carisma e senza fascino, unito a una struttura narrativa monotona e insulsa condita da orribili disegni e Scienza messa a cazzo di cane in quello che dovrebbe essere un Manga sulla Mitologia Greca (Il perché? BOH). Tutti questi punti rendono quello che è stato inequivocabilmente un successo Planetario un pastrocchio illeggibile adesso. Tuttavia è un Manga che si può sopportare, nonostante i difetti, e che merita la lettura se non altro per la Saga di Poseidone, in quanto è risaputa non essere stata disegnata da Kurumada, ma dai Ghost Drawers.


13-BLEACH, DI TITE KUBO

Bleach è uno di quei Manga che odio e amo allo stesso tempo, e il motivo è semplice: Come può un Manga così dannatamente bello dal punto di vista Grafico essere stato mandato a puttane? Ma naturalmente affidando la Sceneggiatura a Kubo stesso, che fin dai tempi di Zombie Powder è risaputo essere una Chiavica nello scrivere Storie. Nonostante questa premessa però ci sono i dovuti paletti da mettere: Bleach è molto probabilmente il Manga meglio disegnato negli ultimi anni sulla rivista di punta di Shueisha, senza se e senza ma. Va da sé che anche i design dei vari Power Up presenti nel Manga di Kubo hanno un'impatto visivo notevole, con una Tamarragine di fondo da renderli qualcosa di sublime. Per non parlare poi dei combattimenti, un concentrato di Spadate, di impatti in ambienti enormi, di slanci che farebbero invidia al miglior Dragon Ball. Il problema, quello serio, è però uno: la Struttura Narrativa è la stessa di Saint Seiya, anzi, è praticamente identica in tutto e per tutto, senza girarci troppo intorno. La Trama di Bleach, tolta la Saga della Soul Society e alcuni momenti indimenticabili della Saga dello Ueco Mundo annoia in una maniera impressionante, con l'apice dell'inutilità e del pacchiano all'ennesima potenza nella Saga degli Xcutioner, per non parlare poi delle stronzate concettuali nella figura di Ichigo, che a quanto pare è Gesù Cristo, Buddha e Zeus uniti in un unico essere. Senza contare che sì, i combattimenti sono Fighi, sì, i disegni sono Fighi, ma gli sfondi? Dove sono? BOH. Comunque a parte gli scherzi, Bleach in questi ultimi capitoli sta recuperando terreno, dato che siamo vicini alla conclusione di questo Manga. Riuscirà il nostro Kubo a ridare lustro a questo sventurato Manga prima della sua conclusione? Chissà.


12-NARUTO, DI MASASHI KISHIMOTO

EHEHEHEHEH, ve lo aspettavate vero? Molto probabilmente sì. Naruto, Naruto Naruto, perché mi piace Naruto? Approfitto di questa posizione della mia Top per rispondere a una domanda che il Mitico +Sommo Buta fece sul suo Blog, ovvero: Vi piace di più One Piece o Naruto? E perché? Beh, avvalendomi delle stesse parole che il Sommo usò nella sua spiegazione, Naruto è stato il Manga con il quale sono cresciuto, Letteralmente. Naruto è stato uno dei Fumetti che ha saputo darmi conforto e coraggio nell'affrontare alcuni Traumi che ho avuto nell'adolescenza (E di cui non ho voglia di raccontarvi, perché troppo personali) e a farmi appassionare in maniera talmente forte, che nonostante i difetti MOSTRUOSI riscontrati dopo lo scontro con Pain, da riusciure a tenermi incollato ad aspettare un nuovo Volume tutt'ora. E' come un vecchio amico, che come me a volte fa parecchie cazzate, ma che c'è sempre quando ne hai bisogno. Naruto ha saputo far critica sulle Classi Sociali, sui problemi Razziali, sul Bullismo e sull'Emarginazione in maniera sincera e trovando, anche attraverso una sonora scazzottata, la soluzione. E' stato per buona parte della sua pubblicazione uno dei migliori Shonen degli ultimi 20 anni, unendo con maestria Dragon Ball, Jojo, Devilman, Ushio e Tora in un unico Mondo affascinante e vivo. Le cazzate sono tante, come per esempio la gestione di Naruto e Sasuke, la scelta della creazione di Kaguya, un Final Boss assolutamente anonimo e inconcludente, e un abbandono graduale di tutti i fantastici personaggi che Kishimoto ha creato a favore di battaglie a chi fa la Sfera Genkidama più grande. Ma come avete potuto ben leggere, anche queste cose passano in secondo piano per me. Naruto resta e resterà sempre uno dei miei Shonen preferiti.


11-SAIYUKI, DI KAZUYA MINEKURA

Arriviamo invece all'11^ posizione con una New Entry, ovvero il mitico Saiyuki. Cos'ha di tanto bello questo Manga? Beh, è Saiyuki, è Viaggio in Occidente fatto BENE. I personaggi principali che accompagnano Sanzo, ovvero Goku, Hakkai e Gojyo, sono caratterizzati in maniera eccelsa; tutti, nessun escluso, hanno una Caratterizzazione complessa e sfaccettata, perfino Goku, Mascotte Stupida della Cricca. Tutti i retroscena che hanno sviluppato la Psiche e i Valori dei Protagonisti e degli Antagonisti sono incredibili, e questo lo si deve principalmente al fatto che a scriverlo sia stata la Minekura, che in quanto donna ha una sensibilità e un attenzione nei dettagli impressionante, riuscendoci anche con grande stile e grazia. La Storia, gli Antagonisti, l'Atmosfera che si respira è pura Poesia, senza però privarsi di scene divertentissime dall'Umorismo prettamente Giapponese. Tutto dannatamente bello, tutto dannatamente coerente in tutti questi anni di pubblicazione, solo una piccola pecca: QUANDO CAZZO FINISCE?!?!


10-FULLMETAL ALCHEMIST, DI HIROMU ARAKAWA

Cos'è che rende Fullmetal Alchemist un piccolo Capolavoro del Manga? Cosa lo rende così differente dagli altri Shonen di questi ultimi anni? La Trama complessa, arricchita da tanti rimandi Politici e Religiosi? No. I Personaggi sviluppati e caratterizzati alla perfezione? No. La Ricerca minuziosa nel campo dell'Alchimia, talmente tanto ben sviluppata da rendere Credibile una Scienza fondata sulla Fantasia? No. Forse l'Ambientazione SteamPunk, che tanto adoro? Nemmeno quella. Oppure i Combattimenti, un Mix sapiente e delizioso di Scazzottate e Strategia? Neanche quello. Quello che rende Fullmetal Alchemist un piccolo Gioiello per me è l'Umanità all'interno dell'Opera. Questo Manga è riuscito, durante la sua Pubblicazione, ad affrontare Amore, Errori, Rimpianti, Odio, Razzismo, Dolore, Morte, in maniera Forte e dannatamente Matura, senza scendere a compromessi di Buonismo e stronzate di questo tipo. I Sentimenti che affondano le proprie Radici in questo Manga sono veri, non sono Patinati da una Melassa di Allegria Spicciola, e non paiono mai Plasticosi e Artificiosi. La forza di Fullmetal Alchemist risiede nel suo essere dannatamente Vero nonostante sia propriamente un Fantasy, e nonostante sia uno Shonen. Questa cosa, questa capacità di affrontare Temi Spinosi come la Smania di Potere, il Razzismo, il Rimpianto e il Dolore, in pochi sono riusciti a svilupparli con successo, e l'Arakawa, in soli 27 Volumi, c'è riuscita, senza mai scendere a compromessi. Un Piccolo Grande Capolavoro, arricchito da una cura nell'Intreccio Narrativo e nello sviluppo di Personaggi e Ambientazione, per non parlare dei magnifici Scontri e del Finale, un Bel Finale, anche qui chiuso, senza compromessi. Fullmetal Alchemist gente, un Manga che tutti dovrebbero leggere.


9-DEVILMAN, DI GO NAGAI

Una vera e propria Pietra Miliare della Storia del Fumetto. Il Capolavoro Immortale che ha consacrato Go Nagai. Dire semplicemente che Devilman è un Gran Fumetto è forse riduttivo. Devilman è un Manifesto, un lascito che il padre di Mazinga e Grendizer (Goldrake per noi Italiani) ha voluto lasciarci, e il messaggio è chiaro fin da subito: l'Umanità è il Male principale di questo Mondo, e tutti noi meritiamo la Morte. Go Nagai, probabilmente scendendo a patti con il Diavolo, è riuscito a dipingere un Affresco di indicibile potenza sulla vera Natura degli Esseri Umani: Arrivisti, Bigotti, sudditi e schiavi di Governi, Programmi Televisivi, Santoni, disposti a tutto pur di sopravvivere, e ce lo mostra attraverso gli occhi di Akira, innocente e puro ragazzo del Liceo costretto a divenire il Traghettatore degli Umani verso la Salvezza, oppure verso la Distruzione totale, Devilman. Ex Cursus Filosofici sulla Vita e sull'Umanità vengono accompagnati da momenti di vero Terrore e Paura, Paura che anche noi, messi in situazioni disperate, diverremmo esattamente come gli esseri Umani di Devilman. Perché i nemici qui non sono i Demoni, come l'inizio del Manga può far intuire, sono gli Umani, più parassiti, più carne da macello per l'orda dei mostri capeggiati da Satana che veri e propri abitanti della Terra. Devilman è stato un Innovatore in tutto e per tutto, Ispiratore per tutti gli Autori successivi in tutte le varie branche che compongono un Manga. Purtroppo non tutte le ciambelle escono con il buco, e Devilman in questo caso soffre troppo dal punto di vista Grafico per l'ovvio e naturale passare degli anni, e sicuramente qualcuno potrà obiettare anche uno sviluppo dei Demoni fin troppo risicato per soli 5 Volumi, ma resta ugualmente perfetto così com'è, un Turbinio di Angoscia e Morte, un'Eredità di Paura affidata alle generazioni future.


8-TRIGUN (& MAXIMUM), DI YASUHIRO NIGHTOW

Parlare di questo Manga è sempre stato complicato, specie per un Fanboy come me che c'ha perso la testa appresso al Tifone Umanoide. Ma ci provo lo stesso: Trigun è il degno rappresentante della mia generazione, quella nata negli anni '90, la generazione segnata dalla Sperimentazione e dalla Commistione di vari generi in quasi tutti i Media che fruiamo: Cinema, Letteratura, Fumetto, Musica, soprattutto questultima con la nascita della corrente Nu Metal, unione di suoni della Musica Rap, Funk, Latino-Americana a quelle Metal. E Trigun non è da meno, una sapiente Unione di Oriente e Occidente in un unico grande Universo Narrativo. Le Ispirazioni Occidentali sono palesi, prima fra tutte l'Ambientazione squisitamente Western, degna del miglior Mariachi o Desperado di Rodriguez, accompagnata da uno Steampunk ispirato da Akira Toriyama, di cui il buon Yas è sempre stato Fan, e il riferimento al mitico Fumetto della Image di Todd McFarlane, Spawn, presente nell'Outfit di Vash The Stampede, l'Uomo da 60 Miliardi di $$, e sparatorie degne del miglior Corbucci. Ecco, su questi ultimi due punti forse qualcuno avrebbe da ridire, le Sparatorie per chi legge Trigun per la prima volta potrebbero sembrare un incredibile pastrocchio Caotico, e in effetti, se non si è abituati a uno stile di disegno come può esserlo quello di Yas, fatto di scene ipercinetiche senza l'uso dei Retini, è anche comprensibile; e poi la figura di Vash, forse ancora più problematica degli scontri: come può il Protagonista di una Storia di Pistoleri e Assassini essere un Pacifista convinto? Beh, la risposta è quanto mai semplice: l'Autore ha saputo sviluppare talmente tanto bene, attraverso uno studio di introspezione Psicologica di non poco conto, la figura di Vash, invincibile Pistolero disposto a tutto pur di non privare una persona, criminale o innocente che sia, della vita. Il messaggio di Amore Universale che Vash ci vuole dare, ispirato dall'unica regola che Superman si è imposto, Non Uccidere, lo ritroviamo con la stessa Potenza Ideologica anche nell'uomo dal Cappotto Rosso, ed è per questo che adoro sia Supes che Vash, perché cercano sempre, in ogni modo, di trovare la soluzione più pacifica, più giusta, e non è detto che sia la più facile. Vash è anche un po' Spiderman, come lui ha subito tantissime perdite e tantissimi traumi, ma è sempre riuscito a rialzarsi e a camminare per la propria strada, ed è magnifico vedere tutto ciò, tutti questi Incontri di Generi e Tematiche, in un unico grande Fumetto, scritto in maniera Eccelsa e disegnato in maniera altrettanto Ottima. Trigun ha saputo far breccia nel mio animo, e spero che anche per qualcuno di voi sia stato lo stesso.


7-CHRONO CRUSADE, DI DAISUKE MORIYAMA

I Manga che parlano dritti al cuore sono quelli che adoro di più. E Chrono Crusade è uno di questi Manga. Tralasciando la Splendida Cornice dell'America degli Anni '20, condita con Fantascienza, Religione, e rimandi sia a Jojo che a Final Fantasy VII (E chi non li ha colti è scemo forte), tralasciando l'ottimo Character Design di Moriyama, che con il suo stile pulitissimo e impeccabile ha creato un Cast a dir poco Incredibile, tralasciando la sapiente commistione di situazioni, questo Manga ha il pregio di aver dato spessore e Coerenza Narrativa a tutti i personaggi presenti al suo interno. Chrono Crusade presenta, esattamente come Trigun, Saiyuki e Fullmetal Alchemist, uno Sviluppo dei personaggi a dir poco squisito, e sfocia, in tutta la sua magnificenza, in un Finale che scalda il cuore. E' un Manga che fa scendere parecchie lacrime per quanto è commuovente, e chi come me lo ha letto sa a cosa mi riferisco. Chrono Crusade si è ampiamente meritato il 7° posto per questo e per tutti i motivi elencati, gestiti benissimo e senza (Anche qui) compromessi di alcun tipo. L'unico difetto che mi sento di muovere a questa incredibile Opera è uno solo: DURA TROPPO POCO!


6-LE BIZZARRE AVVENTURE DI JOJO IV-DIAMOND IS UNBREAKABLE-
DI HIROHIKO ARAKI

E al 6° posto, un gradino sotto la Top 5, troviamo quella che è in ASSOLUTO la mia serie preferita di Jojo, ovvero Diamond Is Unbreakable. La quarta Stagione delle avventure dei Joestar è forse la serie più personale e più bella che il Maestro Araki abbia scritto e disegnato. La Trama, di fondo, non esiste, il tutto è mosso da un Leitmotiv molto semplice, anzi banale, come può esserlo la ricerca di una reliquia sacra e successivamente di un Serial Killer, ci sono tantissimi momenti WTF, (uno dei più esilaranti è sicuramente la vincita alla Lotteria di Josuke e Okuyasu, oppure l'incontro con l'Alieno Mutaforma), accompagnati da una sequenza di scontri a colpi di Strategia Stand e di DORADORADORA che mai il Maestro Araki aveva sviluppato così bene, senza tralasciare poi scene di Umorismo Demenziale spassosissime, che difficilmente si possono trovare all'interno delle altre serie. Graficamente poi ci ritroviamo di fronte a un passo Evolutivo impressionante, con il definitivo abbandono dell'Iper Trofia alla Ken il Guerriero per far posto a corpi molto più sottili, longilinei e soprattutto molto più Eleganti nelle pose Anatomicamente Impossibili che l'Autore si diverte a disegnare. I personaggi tuttavia, nonostante la serie presenti il più bel Cattivo di tutto Jojo a livello Psicologico, Yoshikage Kira, e nonostante Josuke e la sua Cricca di amici sia una banda di Pazzi scatenati capeggiati da un adorabile Figlio di Puttana, introduce alcuni Characters che, a seconda di chi lo legge, può trovare indigesti e insopportabili. E, aggiungendo il fatto che a conti fatti questa quarta serie sia basata a livello di Trama sul niente, viene quasi sempre Snobbata dai Fan. Detto sinceramente però, Diamond Is Unbreakable ha saputo intrattenermi più di qualsiasi altra serie di Jojo, e merita di stare in 6^ posizione nonostante i difetti che ha.

5-DRAGONBALL, DI AKIRA TORIYAMA

Inauguriamo per l'ennesima volta la Top 5 (Questa volta però è solo Shonen) con un altro Mito della mia Infanzia, il Manga Leggendario. Perché così andrebbe definito Dragonball: Leggendario. Se ne sono dette tante sul Manga di Akira Toriyama, ma veramente tante, e nonostante gli anni passano, e passano i vari Naruto, Bleach e One Piece, Dragonball è ancora lì, a voler e a poter dire ancora la sua, e ad essere più vivo che mai non solo nel cuore dei vecchi lettori, ma anche nelle nuove generazioni. Dragonball è IL Manga per tanti Appassionati, me compreso, è stata la nostra prima lettura Nipponica, ed è un Fumetto che sta E dovrebbe stare praticamente in ogni Libreria o Scaffale, è impossibile che esista qualcuno che non abbia visto o letto le Avventure di Goku e dei suoi amici. Forse avrà un sacco di stronzate a livello di Trama che non stanno né in Cielo né in Terra, e forse ha dato seguito a tanti altri suoi Cloni di merda, ma Dragonball è Dragonball, probabilmente insieme a Bleach ha i migliori scontri di QUALSIASI Shonen, QUALSIASI, e onestamente, Gohan Super Sayan di 2° Livello è uno dei personaggi più cazzuti e potenti di sempre, FOR EVAH AND EVAH. Dragonball è forse l'unico Manga che non invecchierà e non morirà mai, e come dice sempre e comunque +Sommo Buta "Niente è meglio di lui".


4-HUNTERXHUNTER, DI YOSHIRO TOGASHI

Porca Puttana HUNTERXHUNTER!!! Perché è scritto da Togashi?!?! 'Sto Manga, scritto e disegnato da uno dei più grandi STRONZI di sempre (insieme ai suoi degni compagni di merende Hagiwara e Miura), è quanto di più mirabile si possa desiderare in uno Shonen: Mondo vastissimo, vivo e pulsante, con sistemi Politici, Religiosi, addirittura MAFIOSI, sviluppati benissimo, combattimenti strategici incredibili, Saghe una più bella dell'altra, come può un Manga così dannatamente bello a farmi incazzare come una bestia?! MA GIUSTO, PER COLPA DI QUELLO STRONZO DI TOGASHI!!! UAAAAAHHH!!! A parte le incazzature generali che affliggono qualunque lettore di HunterXHunter, provocati nel 99,9% dei casi dalle pause Titaniche e ingiustificate dell'Autore, questo Manga è stato capace di imporsi come uno dei migliori Shonen degli ultimi 20 anni, senza calare (Narrativamente parlando, perché i disegni... Mio Dio) mai. MAI. E' questo quello che rende HunterXHunter un Capolavoro nonostante il pezzo di merda che si ritrova come Autore, ed è per questo che si trova al 4° posto della mia Top Shonen. Ma nulla toglie che Togashi resti sempre uno #STRONZO.


3-BASTARD!!, DI KAZUSHI HAGIWARA

Il perché continui a seguire Manga che non avranno mai una fine è una domanda che mi fanno in tanti, anzi in troppi, e la risposta, tutt'ora, non so darla. E quasi sempre quando parlo di Bastard!! un'altra domanda che mi fanno in tanti è: "Cosa cazzo ti piace di Bastard!!?". In questo caso però la risposta riesco sempre a darla, ed è anche semplice: Dark Schneider. Lo Stregone Supremo, Incarnazione di uno dei membri del Trio dei Cazzoni Scansa-Fatiche, è un personaggio che è o Totalmente Bianco, o Totalmente Nero, senza nessuna varietà di grigio. Ed è questo il motivo per cui adoro Bastard!!, perché col tempo, non ci siamo affezionati alla Storia, che diciamocelo, è una Storia del Cazzo, ma al Protagonista stesso. Senza contare poi dei magnifici disegni di Hagiwara, in cui dimostra sempre e comunque di essere un grande Maestro. Certo, uscissero più frequentemente i capitoli, e giungesse finalmente a una conclusione male non farebbe, ma molto probabilmente nella nostra Vita Passata abbiamo sicuramente fatto qualcosa di brutto, e quindi eccoci qui a sbavare a e pregare che arrivi un nuovo volume o si abbia una benché minima notizia su quest'Opera che tanto ci fa penare e godere.


2-SHAMAN KING, DI HIROYUKI TAKEI

Dire che Shaman King mi ha conquistato solo ed esclusivamente perché è tutto quello che un buon Shonen dovrebbe avere, con riferimenti a tutti i maggiori Manga che l'Autore ha amato (Jojo, Gundam, Dragonball, e chi più ne ha più ne metta), sarebbe un Insulto a Takei: Shaman King mi ha conquistato perché vi è il Mondo intero al suo interno. Tutte le Culture, tutte le Religioni, qualsiasi Costume di ogni Folklore di ogni parte del Pianeta è presente all'interno di questo Piccolo Grande Manga. Ebraismo, Taoismo, Shintoismo, Mitologia Norrena, Cristiana, Egizia, tutte queste Culture, tutti questi Mondi si sono uniti per formare un'unica Grande comunità all'interno del Manga di Takei, è qualcosa di incredibile, Unico se dobbiamo dirla tutta, una meravigliosa Utopia di Convivenza e Pace. Shaman King è probabilmente il miglior Manga che racconti la Vita di noi abitanti della Terra in tutte le sue infinite sfaccettature, una vera Poesia dedicata all'Umanità Intera, dove l'abbraccio di una mamma o anche un suo schiaffo possono fare veramente la differenza, e scaldarti il cuore come poche cose sanno fare. Shaman King è ben oltre di un semplice Shonen su combattimenti, va oltre i canoni di un Manga, Shaman King è una meravigliosa Prova Autoriale di un uomo che desiderava raccontare la sua, anzi, la Nostra Storia, e ci è riuscito alla grande.


1-ONE PIECE, DI EIICHIRO ODA

Non ve lo aspettavate eh? Io, che ho sempre bistrattato One Piece, lo metto in prima posizione? Ebbene sì Popolo della Rete, l'Opera di Oda Sensei è riuscita a superare le barriere del mio pregiudizio e a imporsi come il mio Manga preferito in Assoluto. I riferimenti Storici, i Multipli Livelli di lettura presenti in ogni VIgnetta di ogni Capitolo, i Temi trattati con sublime sincerità e coraggio, lo spirito di avventura che si respira sul Ponte della Thousand Sunny... 

Ci stavate credendo vero?


1 (QUELLO VERO)-MEDAKA BOX, DI NISIOISIN
E AKIRA AKATSUKI

Medaka Box è in assoluto il mio Shonen preferito, e in una visuale ancora più ampia, è insieme a Devilman il mio Manga preferito in Assoluto. Tutto quello presente nei 22 Volumi di questo vero e proprio Gioiello sono più che semplici citazioni alla rivista di Shueisha, è più di una decostruzione del Manga attraverso Meta-Narrazione e Livelli di Lettura: la costruzione di Personaggi assolutamente incredibili e Carismatici, condita con combattimenti a colpi di strategie Assurde ma verosimili degne del miglior Araki ha saputo rendere il mondo scritto da NisiOisiN e disegnato da Akira Akatsuki un vero e proprio Paradiso da leggere e osservare. Ma Medaka Box è molto, molto di più. Molto probabilmente, a livello di importanza negli Shonen, è quanto mai di più alto che uno scrittore abbia mai scritto su uno Shonen. La Critica al mercato dei Manga, molto marcata nel riutilizzo e nel riciclaggio di schemi tipici di questo Target, è forse il messaggio che arriva maggiormente al lettore, ma il sottobosco di citazioni e Trama che il grandioso NisiOisiN ha imbastito nasconde tanti altri Grandi messaggi, e quelli che sono partiti come una palla di cannone e mi hanno colpito in petto sono stai alcuni in particolare: l'Amore, l'Amore vero, che non muore mai, la Vita che passa, la Crescita, sia Fisica che Mentale, e la voglia di voler stare insieme alla propria Metà. Medaka Box è questo e tanto altro, non smetterò mai di dirlo, e onestamente, non smetterò mai di appassionarmi ed emozionarmi ogni volta che lo rileggo. 

Bene, Popolo della Rete, questa era la prima parte, la Top Shonen, della mia Top Manga #TOTALETOMBALE, fatemi sapere cosa ne pensate dei Manga che ho messo in Classifica sotto l'Articolo, sarò felice di discuterne insieme a voi. Vi dico già da subito che la prossima Top farà felici le Punzelle che leggono il Blog (Se esistono, non lo so), quindi sì, sarà la Top Shojo. State Tonnati e CIAOCIAO!

















sabato 11 ottobre 2014

(s)Parliamone-Il perché degli "Scassaminchia" su Youtube

Il titolo di questo nuovo appuntamento di (s)Parliamone potrebbe essere recepito in maniera sbagliata da alcuni di voi, Popolo della Rete, ma procediamo con ordine. Oggi parleremo degli Scassaminchia di Youtube. Chi sono questi "Scassaminchia" presenti su Youtube? Beh, gli "Scassaminchia", i "Rompicoglioni" e chi più ne ha più ne metta sono i poveri Diavoli che approfittano della loro visibilità per poter parlare in via del tutto priva di censure (Un po' come faccio io, ma con molte più views) di quello che succede nella nostra Community. Sono Dellimellow, Cinefollie, Simone Fancazzista e Boban Pesov in alcuni casi (Anche se Boban fa Satira, ma non è questo il punto), lo era Roberto Bonetti, insomma gente che è stata, e che viene tutt'ora attaccata, perché ha avuto la faccia tosta di dire le cose come stanno. E allora rispondiamo subito alla domanda, il perché degli Scassaminchia su Youtube? Perché ci servono. I Rompicoglioni, quelli che cantano sempre fuori dal Coro, le teste calde, le teste di cazzo come piace chiamarla la gente, ci servono, anzi, sono fondamentali in quello che dovrebbe essere un progetto di Comunità Democratica. Perché per tanto tempo siamo stati raggirati da pezzi di merda che hanno fatto il buono e il cattivo tempo sulle nostre spalle, e lì dove avremmo dovuto avere degli "Scassaminchia", o sono stati comprati, o peggio ancora sono stati fatti fuori (Ovviamente non sto dicendo che Dellimellow morirà solo perché va controtendenza, sia chiaro). Quelli che dicono semplicemente "L'Italia è un paese di merda, non c'è nessuna possibilità di sopravvivenza qui" così come quelli che dicono semplicemente "Youtube Italia fa schifo perché non c'è varietà di contenuti e se c'è non è nemmeno buona" mi stanno parecchio (MA TANTO) sul cazzo, non so, sarà la mia natura Comunistona a parlare, ma io ho sempre cercato, fino all'ultimo, di portare un qualche rinnovamento dove vedevo qualcosa che stagnava e cominciava a puzzare. Chi me la faceva fare? Nessuno, ma la soddisfazione di poter dire le cose che non andavano, e vedermi in prima fila ad obiettare per qualsiasi decisione sbagliata, mi riempiva di orgoglio. Quindi sì, Youtubers che non condividono nulla che non rientri nella cerchia dei propri fedeli, che non mettono mi piace a nulla nonostante la qualità su Youtube Italia ESISTE (Smettessero di lamentarsi ogni 3X2 e andassero a fare un giro su Youtube lo vedrebbero), che dicono che le cose vanno male ma poi continuano inesorabilmente a portare acqua nel loro Mulino, per me non sono infami, non sono cattive persone, non sono niente, sono semplicemente STRONZI. E così vanno chiamati. Fateli voi gli esempi possibili di gente di merda che ragiona in una maniera e poi fa tutt'altro, io continuerò semplicemente ad appoggiare le Teste Calde, le Pecore Nere, gli Scassaminchia, perché ricordiamoci una cosa, in una situazione molto più grande e più pericolosa di quella che può essere una Community Internettiana, anche Peppino Impastato veniva considerato uno Scassaminchia, un poco di buono, vi pare che quello che denunciava era sbagliato? Oggi più che mai c'è bisogno di gente che vada contro certi sistemi. Qui vi saluto.
GianMarco Franchini, detto Gianfro, Scassaminchia dal 1994

giovedì 9 ottobre 2014

(s)Parliamone-Il perché di Chef Rubio a Lucca Comics

Benritrovati Popolo della Rete nel Bizzarro Blog di Gianfro (adesso anche #Moneygrabber) e benvenuti a una nuova puntata di (s)Parliamone. Ebbene, di cosa andiamo a parlare oggi? Beh, il titolo lo avete letto, penso abbiate capito di cosa si discute oggi. Ebbene, Chef Rubio sarà presente come ospite al Lucca Comics and Games 2014.

Per chi non sapesse chi fosse Chef Rubio, nome d'arte di Gabriele Rubini, è un ex giocatore di Rugby a 15 che ha fatto la sua fortuna nel Mondo Televisivo con un simpatico programma di cucina da Strada sulla falsa riga di Man vs Food, dal titolo molto accattivante "Unti e Bisunti". Dicendo subito che il programma mi è piaciuto, come mi sono piaciuti tutti i programmi di cibo vista la mia predilezione nell'arte dell'abbuffata, e che la cosa che mi piaceva di più non era tanto la presenza di molti cibi della tradizione Italiana, quanto la figura di Rubio, molto grezzo, sporco, Unto appunto (Ho fatto rima), tento di pararmi il culo da possibili Fanboy di Rubio e del programma. Ma a pensarci bene potevo anche non farlo, tanto chi cazzo se ne frega? La cosa importante qui da mettere in risalto è un'altra: Lucca Comics è una fiera del Fumetto. F-U-M-E-T-T-O. Ora, a quelli dell'organizzazione del Lucca Comics, a cui ho dato 44 EURI fumanti per l'abbonamento (Sta diventando in tutto e per tutto un Comicon), in questo preciso momento, farei questa domanda: "MI STRACAZZO SPIEGATE CHE MINCHIA C'ENTRA CHEF RUBIO CON UNA FIERA DEL FUMETTO?!?!" La risposta di alcuni precisini #dellafungia sarebbe "Eh, ma c'hanno fatto il Fumetto su Chef Rubio, Food Fighters, c'entra la sua presenza in fiera (Per chi se lo fosse dimenticato, ebbene sì, c'hanno fatto un fumetto)" ma a 'sti stronzi li prenderei a calci in culo anche solo per avermi ricordato che uscirà un prodotto del genere.

Dopo questa sfuriata, atta a far sbollentare il mio animo, la mia riflessione è: "Ma cosa sta diventando il Lucca Comics?" cioè, seriamente, che senso ha invitare e far fare un fumetto su di una persona che con questo Media non c'entra una beneamata #CIPPA? Cosa si vuole far diventare questo evento, un gigantesco minestrone dal sapore più nauseabondo del mondo? Secondo me ancora no, ma siamo molto vicini a far diventare una delle tre Fiere più grandi del Mondo sul Medium Fumetto una gigantesca Pagliacciata. L'altro giorno mi sono complimentato con Dario Moccia sulla sua pagina per la sua presenza come ospite alla fiera, ora invece devo smorzarmi di nuovo. Ci manca solo che al Contest dei Cosplay ci mettano Enzo Miccio e siamo a postissimo
MICCIO A NAMI: "MA COME TI VESTI?!"

Beh, questo è quello che penso di questa faccenda, e non credo che cambierò idea su 'sta storia. Voi fatemi sapere con un commento qua sotto che ne pensate, sarò felice di discutere con voi. Ci vediamo al prossimo Post che parlerà diiii... Sorpresa. CIAOCIAO

Partnership Google Adsene-SONO UN MONEYGRABBER

Oggi Popolo della Rete è una giornata da ricordare! Dopo un anno sulla Blogosfera (come direbbe il mitico Sommobuta) Google ha deciso di concedermi la sua Partnership! Cosa significa tutto ciò, che adesso sono ufficialmente diventato un Moneygrabber!!! Musica!!!
 


Il merito a chi va? Ovviamente solo ed esclusivamente al sottoscritto! MUAHAHAH!!! Nah, non sono così megalomane da darmi meriti inesistenti. Ovviamente il merito va tutto ed esclusivamente a voi, miei cari lettori, chiunque voi siate (visualizzate e non commentate, geniacci). Ringrazio inoltre il mio principale bacino di utenza, ovvero il Gruppone Mega Galattico di 3° Livello LIBERIDILEGGERE, che continuano a seguirmi nonostante sia ormai appurata la mia instabilità mentale. Quindi, che dire ancora, grazie per avermi seguito finora, vi invito ad iscrivervi al Blog per essere sempre aggiornati sui miei ultimi deliri, a commentare, a mipiacciare, a condividere su qualsiasi Social vogliate, così mi fate fare bei soldini, Ok?

MONEY!!!

Da parte mia vi posso solo dire che mi darò molto più da fare, e che farò in modo che nasca e cresca una comunità intelligente e libera. Grazie ancora per questo traguardo, noi ci vediamo al prossimo Post. CIAOCIAO

lunedì 6 ottobre 2014

(s)Parliamone-Il perché dei Comicnazie e dei Giappominkia

Benritrovati Nel Bizzarro Blog di Gianfro, Popolo della Rete. Oggi il primo Episodio di (s)Parliamone, dove andrò a parlare direttamente con voi di un determinato argomento non solo Musicale, ma di tutto ciò che mi interessa in maniera totalmente libera e senza censure (Come se ce ne siano mai state nel mio Blog). Cominciamo con una discussione un tantino pungente, dalla quale dovrei tenermi alla larga, ma a me del pensiero generale e benpensante me ne è sempre sbattuto più o meno un cazzo, quindi, in via del tutto Impopolare, parleremo dei Giappominkia e dei Comicnazies. Per cominciare, chi sono i primi e chi i secondi? 

In soldoni, i Comicnazies sono gli estremisti del Comics, il Fumetto Occidentale, quasi soprattutto quello Americano (Non sempre) e i Giappominkia, come molti  di noi sanno, gli ammiratori del GiaPPone CAUAI DESUMERDA! Perché parlare di queste categorie di lettori insieme? Semplice, sono praticamente la stessa cosa, solo riflessa in maniera differente. Sapete cosa penso ultimamente del Mercato Nipponico, che, non fosse per i capisaldi come One Piece, HunterXHunter, Naruto (Che checché se ne dica, vende bene) e altri Noti esponenti ormai con 20 anni di pubblicazione alle spalle, non navigherebbe in buone acque (Più che altro per mancanza di "Sperimentazione" o semplicemente di buoni Autori che facciano buone storie, che sembra essere finita. SEMBRA). Alla stessa maniera, possiamo vedere che il Mercato dei Fumetti (prenderò come riferimento il mercato Americano in quanto Universalmente il più grande e perché, qui in Italia, non abbiamo VERI dati per calcolare cosa va di più) ha una riscontro molto lampante: Vendono i Blockbuster, vende la JLA, vende Batman, addirittura All New Amazing Spiderman ha infranto Record su Record di prevendite e Vendite, certamente non è quella che si potrebbe definire una Graphic Novel Autoriale. Come è giusto che sia poi, cioè, le Opere d'Autore non sarebbero tali se avessero un riscontro immediato di Pubblico. E invece le Opere Image stanno un tantino indietro nonostante siano molto Avanguardiste e dal sapore veramente nuovo. Quindi andiamo a confrontare: Il Giappone ha carenze di idee, e mandano avanti le vendite solo i Veterani, mentre in America la roba che vende di più è sempre roba "Pop", ma dall'altra parte va riconosciuto un intero Mondo di Fumetto Contemporaneo e di Progetti nuovi e freschi veramente vastissimo, con la stessa partecipazione in alcuni casi anche delle due Ammiraglie, ovvero Marvel e DC (Mi vengono in mente All New Moon Knight, oppure Green Arrow di Lemire e Sorrentino, e tanti altri).

Tutto 'sto pippone allora cosa vuole dimostrare? Beh, assolutamente nulla, perché non c'entra nulla quale Mercato navighi in acque migliori o quale sia qualitativamente il più Florido, per quel che mi riguarda bisogna rispettare sia l'una che l'altra parte. Leggo Fumetti Occidentali da quando ne ho memoria, Spiderman è il mio Fumetto preferito in Assoluto, e leggo Manga da molto, moltissimo tempo, e conosco piuttosto bene sia l'uno che l'altro mondo, e ognuno di loro ha i propri difetti. Il Giappone ha Tsutomu Nihei? L'America Ha Liefeld. Il Giappone ha Mashima? L'America ha Land. Se dobbiamo metterci a cercare il benché minimo difetto, faremmo notte. Quindi perché innalzare Flame Wars e discorsi che non portano a nessuna conclusione? Non sopporto né i Giappominkia né i Comicnazies perché rappresentano in tutto e per tutto quello che un lettore, e soprattutto quello che un appassionato di un Media non dovrebbe essere, ovvero un inutile calunniatore e un fanatico. I Giappominkia sono idioti perché sono idioti, sperano di diventare Mangaka e lavorare in Giappone, mangiano Ramen Pre-Confezionato e aggiungono tante stronzate della lingua Giapponese, i Comicnazies sono altrettanto idioti nel voler affermare la supremazia del Fumetto Americano (o Occidentale) quando in realtà ha tanti difetti quanto quello Nipponico.

Quindi, in conclusione, questo è quello che penso di queste due categorie presenti  nel panorama Internettiano. La colpa della nascita di queste due fazioni di fanatici a chi deve essere attribuita? Sicuramente Internet e la libertà che ci ha concesso ha dato una grossa mano a questa bella gente (Oddio, bella mica tanto), ma non voglio fare il vecchietto moralista del cazzo, perché Internet ci ha dato molto anche sotto aspetti positivi, quindi se il prezzo da pagare per poter parlare con gente veramente libera di pensiero è dover sopportare questi cretini, ben venga. 

BENE, io ho finito, come avete potuto ben vedere questo sarà un Format molto più "Sciolto" e scorrevole, per permettere a me di poter scrivere VERAMENTE cosa penso riguardo un dato argomento, e a voi di approntarvi alla lettura come se stessi chiacchierando con voi (Anche se in realtà non è così). Fatemi sapere cosa ne pensate con un commento qua sotto, sarò felice di discuterne con voi. Noi ci vediamo al prossimo Post. CIAOCIAO

venerdì 3 ottobre 2014

Tiriamo le somme-Saint Seiya Episode G

Ben ritrovati Popolo della Rete, qui il vostro Gianfro con una nuova puntata di Tiriamo le Somme, la Rubrica che andrà a (Ri) valutare varie opere affrontate nel mio Blog. Oggi, come intuibile dal Titolo, ho intenzione di parlare di Saint Seiya Episode G, quello che considero (Insieme a The Lost Canvas) il miglior Manga mai fatto su Saint Seiya. Almeno fino al finale. Ma procediamo con ordine.

I BRANZINI DORATI TUTTI INSIEME

Saint Seiya Episode G parte nell'ormai lontano 2002 da un'idea dello stramaledetto Masami Kurumada e poi affidata a Megumu Okada, noto in Giappone principalmente per opere Shojo e per il controverso Shadow
Chronos versione cazzuta
Skill (Che non vi consiglio di leggere, non tanto perché fatto male, ma perché totalmente incasinato). La Storia è quanto mai semplice: E' un Prequel con protagonisti i Cavalieri d'Oro, i Saint più potenti della Dea Atena, chiamati a fronteggiare nientepopodimeno che i Titani capeggiati dal Deicida Primordiale (Mi sento Ivo de Palma in questo momento) Chronos. In compagnia della prima Progenie Divina alcuni dei mostri, esseri ed Eroi dei Miti Greci, come Ettore, La stirpe dei Giganti (che faranno la stessa tragica fine dei "Fortissimi" Silver Saint nella serie classica), Ecatonchiri, Sfingi, addirittura una delle bestie più potenti e possenti del Mito, Tifone, e chi più ne ha più ne metta, è il caso di dirlo. Il Plot, ovviamente, è quanto di più classico nell'Universo di Saint Seiya, anzi, se possiamo, è proprio la stessa identica struttura narrativa di Saint Seiya, con al posto dei nostri classici Branzini i Branzini di Classe A. Dove sta la differenza? Nella messa in scena e nella narrazione: Episode G è quanto di più vicino alla versione animata dei Cavalieri di Atena, e per la precisione alla versione Italiana dell'Anime, quel meraviglioso Adattamento svolto da Ivo de Palma e soci, sia nell'ambientazione, sia nell'Atmosfera, Tremendamente e Meravigliosamente Romantica,
E versione Yaoi, per
farci milioni di Doujinshi
soprattutto negli Antagonisti, mai abbastanza azzeccati a Livello Letterario e Ideologico in questo caso. Come nei pochi momenti buoni di Saint Seiya Classico, la cosa che faceva la differenza erano gli scontri Ideologici tra i Protagonisti e gli Antagonisti, e sicuramente questi ultimi risaltavano di più rispetto alle piattissime Motivazioni di Seiya & Co. Bene, pensate ad Episode G in questa maniera, ma con l'aggiunta che qui non solo gli Antagonisti risaltano, ma anche i Protagonisti riescono a brillare alla stessa maniera della prima Stirpe Divina, e che perfino quello che nella serie classica consideravamo il coglione per antonomasia (Per esempio, un nome a caso, Death Mask) risulta interessante e sfaccettato nei suoi Iter Psicologici. Aggiungeteci anche il fatto che Aiolia è un protagonista molto più convincente di Seiya, che all'inizio non se ne fotta una beneamata Cippa di Atena e del Santuario, che il suo rapporto con suo fratello va ad evolversi di continuo nel Fumetto, fino ad assestarsi in un Mix di Odio/Amore/Soggezione, che ogni personaggio viene analizzato e viene sviscerato fin nel profondo del suo animo (Con incredibile sorpresa del lettore in alcuni casi, come per esempio in Aldebaran o Aphrodite, due dei personaggi più deboli a livello di personalità nella serie classica) e che perfino le spalle sono ben caratterizzate e avrete il Saint Seiya che tutti noi avremmo voluto nella nostra Adolescenza. Dov'è l'inghippo? Semplice: Il Finale è una merda. Non userò mezzi termini, non ci saranno rivalutazioni future, il Finale di Saint Seiya Episode G è una merda, totale, sciolta, puzzolente, maleodorante, uno schifo anche solo a guardarla per quanto è inutile, insensato e insoddisfacente!
BASTA UNA SOLA PAROLA

Il Finale di Episode G ha rovinato inesorabilmente l'ottimo lavoro che Okada aveva svolto (Perché non prendiamoci per il culo, Kurumada non ha fatto un cazzo in questo Manga se non dare un'ideuzza) dando il lancio a un  qualcosa che non avrà mai una degna conlusione, perché è finito con un finale talmente tanto aperto, da presagire un qualcosa di mitico, di Potente, e invece niente, perché è finito. VAFFANCULO KURUMADA DI MERDA! Un vero peccato, perché, fino all'ultimo volume, la serie aveva le carte in regola per diventare un grande Manga. Graficamente parlando, la serie è stata un crescendo di Dinamismo e di Dettaglio nelle tavole Allucinante, complice un grande lavoro di CG, nel quale Okada è sempre stato un pioniere nel mercato Nipponico. Certo, i volti sono quello che sono, e in certi momenti sono assolutamente
inguardabili, ma è innegabile che il lavoro di Okada è stato quanto mai appagante. Specie nei design semplicemente magnifici dei Mostri, dei Giganti e delle Armature, sia dei Cavalieri che dei Titani, dal sapore squisitamente Epico, sembra di poter vedere la stessa cura con cui Omero aveva descritto l'impressionante Scudo di Achille nell'Iliade. Dettaglio al limite del Sublime, sempre per rimanere in termini Romantici, e una costruzione delle Tavole Ottime, seppur in certi casi davvero incasinate per la mole di persone, livelli ed effetti presenti.  Nonostante tutto ciò comunque, ogni volta che acquistavo un volumetto della Planet mi soffermavo più di una volta nel gustare certe splendide tavole di Okada lasciate sparse qua e là, dall'impatto assolutamente Spiazzante
COME QUESTA...

... O QUESTA...

... OPPURE QUESTA...

... O LA MERAVIGLIOSA INVESTITURA DI KANON IN DRAGONE MARINO

Con l'aggiunta che è forse una delle poche Opere prive di Fanservice Erotico. Quindi sì, purtroppo, e questa volta per davvero, niente Perversione Time.




Considerazioni Finali: Saint Seiya Episode G è stata una bella esperienza, una piacevolissima e bellissima lettura che mi ha accompagnato per tutti questi anni, segnata da un'esistenza Editoriale al limite dell'assurdo, nonostante le ottime vendite sia qui che in Giappolandia, che ha rallentato, in certi casi stoppato, la pubblicazione sia dei capitoli che dei volumi. Questa pubblicazione per fortuna non ha minato la qualità generale dell'Opera, che si è sempre assestata su ottimi livelli. Tutti i personaggi messi in scena sono stati caratterizzati in maniera egregia, dando quella vena Romantica e Decadente a livello Psicologico che abbiamo amato nella Serie Animata, e portati a un livello forse ancora più alto. Certo, lo stile di disegno di Okada può piacere e non può piacere, questo è ovvio, ma è sicuramente particolare nel suo accostare il Super Deformed a un dettaglio generale impressionante. Purtroppo, il Finale ha rovinato quello che, fino all'ultimo volume, può essere considerato il Miglior Manga di Saint Seiya che ci sia. Peccato, peccato per davvero =(.

Storia: da 4.50 a 2
Dialoghi: da 3.50 a 4
Disegni: da 3 a 4 (Giudizio Personale, non rompetemi i coglioni)
Edizione: Ecco, qui ci terrei a fare un piccolo discorso. Planet Manga, all'inizio avevi confezionato un'Edizione di buon livello, con tante belle chicche, come le Pagine a Colori a Poster e diversi Extra, a un prezzo veramente ragionevole (seppur diviso in volumi sottiletta). Perché hai abbandonato questa Edizione per una Total B&W di merda senza nient'altro? Eh? Vaffanculo, solo per questa cosa ti meriteresti 0, ma non posso trascurare l'ottimo Lettering e la buonissima Traduzione. Comunque da 3.50 a 2.50

Conclusione: Parzialmente Deluso


Bene Popolo della Rete, a voi la parola, ditemi se anche voi vi siete incazzati come una bestia per il Finale di questo Manga, o se non ve la siete presa, sarò felice di discuterne con voi. Questo comunque era il terzo appuntamento di Tiriamo le Somme, la Rubrica dove andrò a Ri-analizzare e Ri-valutare le varie opere che ho affrontato in questo Blog. Noi ci rivediamo al prossimo Post. CIAOCIAO