Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

venerdì 31 gennaio 2014

Pensieri Liberi, Per i forti di cuore e quelli che non si annoiano

Oggi mi sono arenato in un mare di Pensieri, Popolo della Rete. Avete mai provato a mettere per iscritto tutto quello che vi frullava per la testa e vedere cosa ne usciva fuori? Io no. Non so come mai ma ho sempre avuto paura di voler esporre fino in fondo tutte le cose che attanagliano la mia mente durante la giornata, soprattutto quando andavo a scuola. La scuola la ricorderò sempre come una di quelle strutture che ti dovrebbero rendere più libero ma che invece ti ingabbiano il cervello a dei concetti dettati da altre persone, che come te hanno delle idee precise su come va il Mondo e molte volte hanno paura ad esporlo o semplicemente non vogliono sentire critiche dall'altra parte. A Scuola non si doveva parlare di Politica, poteva deviare il pensiero di quelle giovani menti che incanalavano concetti senza battere ciglio, una cosa giustissima, ma non qui in Italia: l'Italia è quel che si suol dire "Quella che vuole sempre salire sul Carro del Vincitore anche quando perde" e Storicamente lo abbiamo dimostrato in tantissimi momenti. In un paese come l'Italia dove i Politici mangiano ancora con i nostri  soldi, (e, ci tengo a precisarlo, non faccio distinzione alcuna, sono tutte persone di Merda) in cui i soldi che dovrebbero servire a far ripartire l'economia finiscono nello stipendio di qualche Calciatore, in cui le Tasse che paghiamo finiscono a Cortina, patria di Evasori Fiscali, sarebbe giusto parlare di Politica. Politica vera, non Politica di parole vuote, di discorsi costruiti con le frasi di Pasolini lanciate dentro una marea di ignoranti (non per colpa loro) che, abbagliati da quella facciata di Magniloquenza e Demagogia, pensano di riporre le proprie speranze nella persona giusta (Chissà a chi mi riferisco). Queste bestie, che ci hanno risucchiato completamente come sanguisughe e ci hanno stremato come Muli da Soma, meriterebbero tutti quanti l'Esilio in Siberia, a spalare la Neve per il resto dei loro giorni, e sarebbe ancora poco. Ci hanno ridotto in uno stato dal quale, siamo realisti per una volta, non riusciremo più a risollevarci, se non per un qualche Miracolo Divino. Vedere gente che come la Santanché, si quella Puttana riempita di Botox che succhia il cazzo di Berlusconi, come quello stronzo Nano di merda (Chiedo scusa a quelli affetti da Nanismo che se la sono presa per quest'insulto) di Brunetta che ci da dei Bamboccioni e dei Rammolliti, gente come quell'analfabeta e pesce lesso di Gasparri che ancora continua a vociare senza arte né parte mi da il volta stomaco. Non faccio la lista di tutti quelli che mi stanno sul cazzo nel campo Politico perché se no siamo freschi. Ecco, dire queste cose a Scuola, far vedere che "Brave Persone" abbiamo insidiate come Parassiti, perché questo sono Parassiti, al Governo sicuramente farebbe meglio che lasciarli rincoglionirsi davanti a un Tablet o davanti alla TV, caso strano comandata da una Parte dallo Stronzo più duro che l'Italia sia riuscita a cagare, e dall'altra da una massa di Imbecilli che spreca Miliardi di Euro dei Contribuenti per presentarci programmi di merda. Prendiamo un programma a caso della Rai, Detto Fatto: Se già ti stanno sul cazzo i Tutorial di Trucco e Parrucco, di Fashion Design e odi come non mai l'imbecillità e la frivolezza di certe donne, pensa quanto ti girerebbero i coglioni se scoprissi che questo programma lo hai anche PAGATO. E ci tengo a sottolinearlo PAGATO! Quando avrò una Casa mia non pagherò mai il canone Rai, queste persone, che buttano al Macero i miei soldi per stronzate Apocalittiche come Verdetto Finale, Affari Tuoi o Un Posto al Sole, le voglio vedere per strada a fare la Fame. Ma in fondo di cosa mi posso lamentare, in fondo quanto me ne importa di questa società, che riesce a dire solo BLA BLA BLA? A me basta una strada da poter percorrere, magari uno di quei bellissimi Lungo Mare che non finiscono mai, tipo quello di Taranto. Il Lungo Mare di Taranto l'avrò percorso un milione di volte e non mi stancherò mai di quella vista così bella, di quel Mare così limpido, di quel Sole cocente anche d' Inverno. Taranto ha mille facce, e io posso dire che nonostante gli anni che passano questa città mi sorprende sempre con qualcosa di nuovo. Magari un'angolo che hai attraversato per giorni e giorni, percorso al contrario ti da una nuova sensazione che non avevi mai avvertito, e ti senti impaurito e allo stesso tempo ammaliato da come quell'angolo, quell'angolo che pensavi di conoscere più delle tue tasche, nascondesse qualcosa di così magico. Tutte le Grandi Città sono così in fondo, sta a noi scoprire quanti segreti nascondono. A volte ci metti un'intera vita per scovarli tutti, a volte non basta nemmeno quella. Per questo amo camminare, per vedere qualcosa di nuovo, per poter osservare con occhio distaccato la gente che passa, indaffarata nelle proprie faccende. La folla, quella tra le strade e nelle piazze, non ha identità, è una massa mutevole e incostante, un qualcosa che mi ha sempre affascinato, non so perché, forse perché nella folla posso trovare frammenti di vita altrui senza dover conoscere nel profondo le persone che ne fanno parte. Se è vero che la folla non mi spaventa più di tanto, è altrettanto vero che le persone mi spaventano: Cerco sempre di stare lontano da tutti, non riesco a intavolare più di tre o quattro relazioni Umane. E' un mio problema, sono un pazzo asociale in fondo, ma ho sempre avuto l'impressione che le persone nella loro singolarità possano fare più danno di qualunque altro fenomeno naturale. In una relazione con altre persone si arriva a un livello di intimità che, se malauguratamente dovesse rompersi, costituirebbe la rovina di una delle due parti coinvolte. E purtroppo, in tutte le relazioni che ho avuto, e quasi nessuna di queste è stata Amorosa, io ne ho subito le conseguenze più pesanti. Forse è questo che voglio veramente, io voglio farmi del Male, sentirmi uno schifo giorno dopo giorno... Sì, forse è questo quello che voglio, rovinarmi con le mie stesse mani. E' un pensiero Masochista che risiede in ognuno di noi, il desiderio di portarsi alla Rovina. Mamma mia però, che depressione che sta scendendo qui. Possibile che non ci sia niente per cui valga la pena vivere? Beh, qualcosa c'è, ma io, forse per Destino o forse per Stupidità, non lo ancora trovata. Anzi, diciamo pure che l'ho trovata, ma non posso ottenerla, perché è già di un'altro. Ah, l' Amore. La maggiore causa dei nostri problemi, eppure la sola cosa che ci faccia muovere il cuore in fondo. Ho amato tantissime ragazze, una più bella dell'altra, e per bellezza non intendo solo l'aspetto fisico, che fa sempre la differenza, ma che se non c'è non per forza deve essere un male. Comunque, stavo parlando delle ragazze che ho amato nella mia vita: La prima era una mia compagna delle Elementari, me la ricordo ancora: Capelli neri, nerissimi, come la Notte, e due occhi così limpidi e così verdi che parevano pietre preziose. Non le dissi mai che volevo stare con lei, ero sempre stato un timido e un pavido. Chissà come sta adesso... Beh, passiamo all'altra: Prima Media. Ormoni a mille, un desiderio incontrollabile e irrefrenabile, i primi peli sul viso, e anche in altri posti che non vi sto a raccontare. In Prima Media conobbi un sacco di ragazze che non mi si avvicinavano nemmeno di striscio, e poi, conobbi la mia più Grande Amante, colei che ha saputo allietare le mie giornate: La Musica. Con la Musica potevo sognare di essere ovunque, di diventare uno di quei ragazzi che si dichiarano in maniera Sdolcinata e Melensa alla propria Bionda o Rossa di turno, e nella Musica potevo essere felice, passare una Vita intera insieme a quelle Muse che la mia mente aveva partorito senza nemmeno doverle conoscere nella vita vera. Inutile dire però che, finita la Musica, si doveva tornare alla dura realtà, fatta di: Hai l'Erre moscia, non ci voglio stare con te. I tuoi capelli fanno schifo, non ti fai nemmeno la cresta. Ma come ti vesti, sembri un manichino... Finite le Medie, il Baratro completo: Il Liceo. Tutte le bimbette che alle Medie idolatravano Zack Efron ora fanno le Alternative idolatrando Jim Morrison. Ora tutte a fumare, per farsi più adulte, ora tutte ad avere la fissa per quelli più Grandi, che diciamocela, ce l'avevano pure alle Medie. Conobbi una ragazza al Liceo, Bellissima, pareva quasi una Dea, fu una delle prime a rivolgermi la parola quando mi trasferii da una Classe all'altra, e fu bellissimo: Finalmente qualcuno era interessato a quello che facevo senza trovarci un secondo fine. Diventammo amici, le volevo bene, molto bene, e purtroppo, a furia di stare sempre con lei, e a furia di confidarmi sempre con lei, finii con l'innamorarmene. Grandissimo errore. Non sarebbe mai potuta finire bene, io sono un disadattato in fondo, l'avrei portata nel baratro insieme a me, l'avrei distrutta completamente, e così, feci la cosa che mi sembrava più giusta fare: mi allontanai. Cominciai a fare lo scorbutico, ad essere arrogante, a fare il rompipalle della situazione, e soprattutto ad essere vago riguardo molte cose. Inutile dire che in queste situazioni me la cavavo decisamente bene, e così lei si allontanò da me... Fino a quando scoprii una cosa che mi frantumò completamente: era tutto un gioco per lei, non gliene fregava un piffero di quello che facevo, di quello che pensavo, Niente. E allora cominciai ad odiarla, a vomitare insulti e maledizioni una peggiore di quella precedente, e finimmo col non parlarci mai più. Da quell'episodio non mi sono mai più ripreso, non ci fu più niente che mi spingeva ad andare avanti, tutte le bugie le bugie che avevo detto per allontanarla, tutte le finte ragazze che dicevo di aver incontrato per riuscire a far colpo, mi avevano reso un guscio vuoto... Fortuna che ho sempre avuto amici che mi stavano vicino nel momento del bisogno. Grazie a loro, ho sempre scansato l'annichilimento totale, e non smetterò mai di ringraziarli. Questo dovrebbe essere un lieto fine a questo racconto, e forse lo è: Non importa in che situazione siamo, non importa se tutto il Mondo va allo scatafascio, finché hai una Strada da percorrere, finché hai una Canzone che ti faccia innamorare, finché hai amici sinceri, nulla potrà mai andare veramente Male. Ah, e cosa più importante, I DAFT PUNK HANNO VINTO 5 GRAMMY!!!QUESTO E' UN MOTIVO PIU' CHE VALIDO PER ESSERE FELICI

Nessun commento:

Posta un commento