Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

martedì 7 gennaio 2014

Monografie Musicali-Nobuo Uematsu, Quando il Videogioco provoca Emozioni

Salve a tutti voi, Popolo della Rete, e benvenuti a una nuova Monografia Musicale. Oggi, da come avrete potuto capire, parlerò di Nobuo Uematsu, uno dei più importanti Compositori che il Giappone vanta tra le sue schiere, e probabilmente anche il migliore nel suo genere. Per chi non sapesse chi sia Nobuo Uematsu, è in poche parole il compositore di quasi tutte le Colonne Sonore della Lunghissima ed Infinita saga di Final Fantasy.

Grazie a questo baffuto Giapponese abbiamo ricevuto alcune delle più belle ed emozionanti Canzoni della Storia del Videogioco, e il perché è molto semplice: La Musica, per arrivare dritta al cuore, deve essere Essenziale. Non ha bisogno di Costruzioni Monumentali e di cambi di Tempo inverosimili (Piccola frecciatina a tutti quegli esaltati che ascoltano Progressive Metal senza cognizione di causa) e i Grandi della Musica lo sanno, e lo sa anche Nobuo Uematsu. Ogni volta che lo ascolto mi lascio trasportare in un turbinio di emozioni che esaltano le sensazioni più limpide dell'animo umano. E ogni volta che lo ascolto, mi viene sempre in mente un'altro Grandissimo Compositore, Ennio Morricone, che adotta lo stesso stile di composizione di Uematsu. Non è un caso infatti che questi due nomi in campo Videoludico vengano sempre accostati: Se nel Cinema abbiamo Morricone, nei Videogiochi abbiamo Uematsu. E credo che il Paragone non sia nemmeno così tanto azzardato. In ogni caso Nobuo Uematsu ha segnato la mia adolescenza e la mia vita di Musicista, e in alcuni momenti è stato anche di ispirazione per molti miei progetti, e a lui dedico la Prima Monografia Musicale del 2014, a colui che mi ha fatto viaggiare per Lande misteriose e magiche, a lui che mi ha fatto piangere e che mi ha fatto ridere. Grazie, Nobuo Uematsu.

PICCOLA PREMESSA: Ho deciso, in questa Monografia, di non affrontare ogni singolo Album o Colonna Sonora che Nobuo Uematsu ha scritto (Non la finiremmo più), ma di dirvi quali delle meravigliose Musiche del Compositore Giapponese abbiano toccato le corde della mia Anima. quindi, senza perderci ancora in inutili convenevoli, Iniziamo.


Una passeggiata con una persona cara, un Tramonto d'estate che dura un'eternità, le foglie d'Autunno che cadono creando una Coreografia di colori e sensazioni. Ogni volta che ascolto l'Aerith's Theme, tratto dalla Colonna Sonora di Final Fantasy VII, non riesco a non pensare a un qualcosa che in un primo momento mi richiama ricordi lieti, ma che in un secondo istante mi catapulta in un turbinio di Nostalgia e di sentimenti misti ad Amore e Tristezza Assurdi. E' incredibile come questa Canzone provochi in me la sensazione di voler tornare in un posto che forse non ho nemmeno visto, ma che c'è, e che sempre ci sarà. 

Quanti di noi hanno pianto con questa canzone? Non prendiamoci in giro, To Zanarkand verrà sempre collegata alla Morte di Tidus, è innegabile. Il Sacrificio Ultimo, l'Abbandono di persone care, di un Amore travagliato, per la Salvezza definitiva del Mondo. Vedrò sempre To Zanarkand collegata all'estremo atto di quest'eroe. Ed è anche una di quelle canzoni che mi fanno strappare il cuore dal petto per l'Angoscia che mi provoca.

Terrore. Ansia. Claustrofobia. Un Ostacolo Insormontabile, un Nemico Invincibile. E una Forza capace di compiere il Miracolo. One Winged Angel è in assoluto una di quelle Canzoni che riescono a darti una carica esorbitante, in grado di recarti un'energia talmente grande da poter affrontare chiunque, e la versione Heavy Metal di Advent Children fa innalzare queste sensazioni in un Tripudio di Forza e Potenza Incredibile.

Allegria. Quando vedo un Chocobo, non posso fare a meno che rallegrarmi, è una cosa inspiegabile come questi ibridi di Struzzo e pulcino riescano a stamparti un sorriso Beota che rimane per tutta la giornata. Quando incontri un Chocobo succede sempre così, e il tema principale, qui nella sua versione Swing, quella che mi piace di più, ti porta una gioia inspiegabile mentre lo cavalchi per le lande immense di uno dei Mondi di Final Fantasy.

Questa Musica sanciva lo scontro definitivo: l'eroe Leggendario, lo Spadaccino Imbattibile, Gilgamesh. Quante Morti, quanta Rabbia, quanta Gloria e Gioia una volta capito il modo per poterlo battere. Clash on the Big Bridge, tratta da Final Fantasy V, è in assoluto una di quelle canzoni che, slegate dal contesto Videoludico, riescono sempre e comunque a darti un senso di Fomento inimmaginabile.

Viaggio in Occidente. Un gruppo di avventurieri si imbarcano verso una missione che li vedrà affrontare mille peripezie per poter raggiungere un grande Obiettivo. Lost Odyssey potrebbe essere tranquillamente chiamato il "Viaggio in Occidente del Tempo", una missione che non avrà mai fine, un'incredibile Viaggio che durerà per tutta la vita. Neverending Journey mi fa pensare a tutte queste cose, e a molto di più. Mi fa tornare indietro nel Tempo in luoghi della mia infanzia, mi trasporta in luoghi Mistici Inviolati e Magici. Questa Canzone trasuda Oriente da tutti i pori, ed è una cosa fantastica poter assaporare quel gusto di Giappone Antico che, nonostante la continua marcia verso il Futuro, non morirà mai.

Un Nuovo Viaggio. Un Mondo tutto da scoprire. La Paura dell'abbandono di quella che era la tua casa, e il desiderio di voler trovare Nuovi Luoghi da visitare. Nuovi Compagni, Infiniti Ostacoli, e un Grandioso Trionfo alla conclusione del Viaggio. Il Tema Principale di Final Fantasy ha sempre ispirato l'Avventura e l'Esplorazione di Lande Sconosciute, piene di insidie da affrontare col Coraggio e con la Spada. E ad ogni Capitolo, sempre un Nuovo Viaggio, e sempre quella Nostalgia che pervade nel tuo cuore quando ascolti queste Note ormai divenute Leggendarie nei ricordi dei Videogiocatori.

A Mad Dash è in assoluto il connubio perfetto tra musiche Orientali proveniente da luoghi pieni di Incenso e Aromi tipici della Persia e Sonorità Moderne. Un Ciclone di Suoni Incredibile che ci trasporta nel Vivo della Battaglia, dove non ci sono mezze vie o scorciatoie, o si Vince o si Perde. E chi Perde paga sempre caro.

Credo che per descrivere quello che provoca non solo in me, ma in tutte le persone che hanno giocato a Final Fantasy X, Suteki Da Ne basti il Testo di questa Meravigliosa Canzone:

"Il mio cuore è inondato di parole
pronunciate dal vento.
La mia voce è portata lontano
da un domani nuvoloso.

Uno specchio mosso
dalla luna, fa fremere il mio cuore.
Tenere lacrime
versate come ruscelli di stelle.

Non è meraviglioso!
Noi due che camminiamo mano nella mano.
Io voglio stare
nel tuo paese, nella tua casa, fra le tue braccia.

Sogno di giacere
sul tuo petto.
Il mio corpo stretto nel tuo abbraccio,
che svanisce nella sera.

Le parole interrotte dal vento
sono una delicata illusione.
Un domani divenuto nuvoloso è
una voce assente.

Il mio cuore è rimasto
nello specchio mosso della luna immobile.
Le stelle che oscillano e scorrono
non possono nascondere le mie lacrime.

Non è meraviglioso!
Noi due che camminiamo mano nella mano.
Io voglio stare
nel tuo paese, nella tua casa, fra le tue braccia.

Sogno il tuo viso
che dolcemente si confonde
con la luce del mattino."


Il Battle Theme che più ho adorato dei vari Final Fantasy è sicuramente quello di Final Fantasy VIII: La Carica per la Battaglia che ti da questo Tema è Incredibile, Indescrivibile, riuscirebbe a rendere Epica perfino una partita di Briscola o di Morra Cinese.

Il Preludio, Ah il Preludio. Una Sinfonia così Eterea, così Onirica e Sognante, qualcosa di Impalpabile e di Astratto che diviene concreto man mano che si prosegue con l'Ascolto. Questa Canzone, se così possiamo definirla, è sempre stata una delle mie Preferite, perché sanciva sempre l'Inizio di Ogni Final Fantasy, di ogni Viaggio che ho percorso per Midland, tra i Mari e le Lande di Spira, sulla Luna, Terra Natale dei Seleniani, per i deserti di Ivalice, nei Cieli di Gaia. Il Preludio ha sempre introdotto noi Videogiocatori nei nuovi Mondi di ogni Nuovo Capitolo di questa Saga e, nel Bene e nel Male, continuerà sempre a riecheggiare nei nostri Cuori quando esploriamo quei Monti e quelle Dune che ci hanno cresciuto.

Bene, Popolo della Rete, io ho concluso, ma non finisce certo qui. Nobuo Uematsu ha sì scritto queste Musiche Incredibili, ma ci sono milioni di Canzoni che non ho citato in questa Monografia che fanno ugualmente accapponare la pelle per l'emozione. Questo Compositore ha saputo far breccia sempre nel cuore dei Videogiocatori, e continuerà sempre e comunque a regalarci emozioni indescrivibili. Molte volte ho sentito parlare di Arte Videoludica, ma è un concetto per me molto azzardato, tuttavia sono convinto che in un Videogioco possa esserci dell'Arte che, estrapolata dal Contesto Videogioco, sappia far emozionare come qualunque altra Espressione Artistica. Vi ringrazio per avermi seguito, e vi saluto con l'ultima Canzone che ha sancito l'entrata del Metal in Final Fantasy, scritta dai Black Mages (La Band di Uematsu), ed è ovviamente OtherWorld. CIAOCIAO

Otherworld-Final Fantasy X

P.S. Quanti di voi stanno ancora aspettando che arrivi anche qui in Italia il Distant Worlds Tour?

1 commento:

  1. Paragone più che mai azzeccato.. credo che Uematsu abbia attinto un po' dalla musica di Morricone, ieri ho ascoltato il King Giott's Castle Theme di FF3 e toh... il motivetto di Giù La Testa! Ma in generale i giapponesi cinefili di una certa età sono molto influenzati dai western di Leone, basti vedere Kojima che con MGS4 ha chiaramente omaggiato Clint Eastwood (Snake) e Lee van Cleef (Liquid Ocelot)... titoli di coda eeeee.... Here's To You della Baez e Morricone.

    RispondiElimina