Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

sabato 18 gennaio 2014

GRENDEL-COSA SIGNIFICA ESSERE UN' ANTIEROE

AVE A VOI, POPOLO DELLA RETE! Oggi ho proprio voglia di parlarvi di una Graphic Novel che ho avuto il piacere di comprare l'anno scorso e che ha scosso completamente quello che era il mio pensiero riguardo un termine Fin Troppo Abusato nel campo Fumettistico Internazionale, ovvero il termine ANTIEROE. Quante volte abbiamo sentito questo termine venire utilizzato dai profani riguardo a questo o quel personaggio?

STO PARLANDO DI TE STRONZO

Ne abbiamo perso il conto oramai. Tuttavia ci sono quei rari casi in cui la gente riesce ad aprire gli occhi e a dimostrare un senso critico verso certi aspetti  inerenti non solo al Mondo Fumettistico, ma in molti altri campi che affrontiamo nella vita. Molti miei amici si sono fatti la domanda: Ma cosa distingue un'Anti-Eroe dall'Eroe Classico? Questo concetto (L'Anti-Eroe) è nato nell'antica Grecia ad opera di un grande scrittore e poeta, Apollonio Rodio, che nella sua Opera più importante, Le Argonautiche, ha messo come protagonista un "Eroe" che Eroe non lo è mai stato, Giasone. Giasone è il Prototipo dell'Anti-Eroe, là dove un Ettore o un Achille sarebbero scesi in battaglia per salvare la loro gente e il loro onore, Giasone preferisce o rimanere in seconda fila senza mai intervenire, o tutt'al più cerca sempre la via dell'inganno per sorvolare ostacoli più grandi di lui. E' emblematico infatti che tra gli Argonauti ci fosse un Eroe come Eracle, L'Eroe degli Eroi per giunta, e che il comando fosse in mano ad un essere a cui non importava nulla della Fama e dell'Onore, ma solo il Guadagno personale, il soddisfacimento della sua sete di Potere. Questo è un'Anti-Eroe, e da questa analisi potrete capire che Dead-Pool non lo è. Dead-Pool è alla fine uno schizzato fuori di testa che combina casini, ma che alla fine fa quadrare il tutto. Ma Allora chi sono i veri Anti-Eroi nel Fumetto? Ce ne sono tanti, e sono accomunati tutti da una cosa: Percorrere la strada del cattivo pur mirando a qualcosa d buono, a volte per rimediare a un'errore commesso in gioventù, per Vendetta, per poter vedere una sorella che finalmente vive in un Mondo senza Conflitti, per Vivere... Ce ne sono tanti di Anti-Eroi, ma forse il migliore è sicuramente lui,
Grendel

Frena Frena Frena. Che significa? Grendel non è un'Anti-Eroe, è cattivo, è il Signore del Crimine di New York! Come può essere un Anti-Eroe? La risposta non risiede nella figura del primo Grendel, Hunter Rose, quanto nelle sue eredità. L'eredità lasciata dal Diavolo, l'essere Malefico per eccellenza, lasciata da persona a persona per poter diventare un Simbolo, un'Ideologia, un Credo, un'Arma per potersi opporre e per poter preservare la Libertà, esattamente come succede in un'altra Grandiosa Graphic Novel, V for Vendetta. Nell'opera di Wagner si incrociano e mescolano i peggiori vizi dell'animo Umano: la Sete di Potere, il Fascino verso il Male, la Lussuria, l'Avarizia. L'Autore, attraverso una commistione Sublime di Narrazione Romanzata, Giornalistica e Fumettistica, unita a uno Stile Grafico essenziale che va a riempire come una Didascalia più che come a una parte a sé stante dell'opera, invertendo paradossalmente gli elementi Fondamentali del Fumetto, una Manhattan controllata dal Crimine, fatta di Sesso, Stupri, Patti Criminali, Esoterismo, Magia Nera e Omicidi Efferati. Nelle azioni iniziali di Hunter Rose, sempre più persone prenderanno il vessillo dell'uomo incappucciato di Nero per elevare a Simbolo la figura di questo Mietitore. Trovo Grendel uno dei migliori Anti-Eroi mai scritti nella Storia del Fumetto proprio per questo motivo, e qui mi riallaccio a quello scritto prima, un Anti-Eroe è colui che percorre la Via del Male per poter portare il Bene, e Grendel, attraverso la sua continua Eredità, lo è.


Bene Benissimo, Popolo della Rete. Ho concluso questo mio pensiero riguardo a Grendel, e nel farlo ho descritto un po' quello che dovrebbe essere un Anti-Eroe. Ma ce ne sono altri? Certo, per esempio Marv di Sin City, l'opera più rappresentativa di  Frank Miller, e poi Rorschach, il Comico, V, questi ultimi creati dalla geniale mente di Alan Moore, autore di V for Vendetta e Watchmen, e poi Ichi, del meraviglioso Manga Ichi the Killer, o Spawn, l'incredibile personaggio di Todd McFarlane. Potrei andare avanti per ore ed ore, però, mi duole ammetterlo, questa lista diventerebbe dannatamente lunga. Scrivetemi qua sotto quali sono i vostri Anti-Eroi preferiti se vi va, io vi saluto e vi ringrazio per avermi seguito. CIAOCIAO





Nessun commento:

Posta un commento