Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

Il Bizzarro Blog Di Gianfro (e dei suoi amici di merende)

sabato 31 agosto 2013

ATTENZIONE AL FANATISMO E AI FANBOY!

Salve, popolo della rete! Oggi torno a parlare di un argomento che avevo toccato nelle considerazioni finali del Meglio e del Peggio 2011/2013 e che avevo accennato nel resoconto, perché chiamarla recensione sarebbe come raccontare una barzelletta, di Hail to the King, ovvero del Fanatismo e del Fandom indiscriminato verso un particolare argomento, che sia musica o altro. Ci tengo a riprendere e analizzare ulteriormente perché un mio amico mi ha fatto notare che nel Meglio 2011/2013 avevo inveito un po' troppo nei confronti dei Pink Floyd, ed effettivamente a una prima lettura poteva sembrare così, ma la situazione era inerente ai Fan, non ai Pink Floyd. E dopo le solite premesse, Iniziamo!
Ormai i giovani sono stati lobotomizzati da palinsesti e programmi deleteri, non solo in Televisione, ma anche nel campo della Musica, del Cinema, dei Videogiochi, praticamente da tutti i format di riferimento per loro. Non c'è quindi da stupirsi se ci ritroviamo di fronte a una realtà che è completamente distorta da quella che avevamo noi nel periodo dell'adolescenza: abbiamo assistito al lento decadimento di MTV, a una Monopolizzazione Musicale da parte di One Direction, Justin Bieber e vincitori di Amici vari, non esiste più il mercato della Musica Autoriale a livello di Major, se non per quei mostri sacri come Bruce Springsteen e Bob Dylan, e addirittura abbiamo visto il ritiro del poeta, perché così va chiamato, Francesco Guccini, mentre uno come Vasco Rossi, che io adoravo ma che adesso sopporto mal volentieri, si ostina a voler continuare con album banali e sciatti. Ma ciò che fa rattristare tutto questo "Bel" panorama culturale è il fatto che non esiste più Libertà di Parola su niente. Nessuno può più dire la sua su qualsiasi argomento che subito viene sommerso da insulti e maltrattato come il peggiore dei criminali. Nessuno può avere un suo punto di vista che può essere totalmente diverso da quello degli altri: oggi la voce fuori dal coro canta da sola, non può minimamente affacciarsi al più e cercare di avere un dibattito costruttivo e intelligente, é diventato tutto una marea di insulti che dilaga praticamente in tutto! Programmi, anzi, Cagate come Amici, Uomini e Donne, personaggi come quel coglione di Vittorio Sgarbi che insulta a destra e a manca senza il minimo rispetto verso gli altri e senza un minimo di argomentazione e Troiate di questo genere, non aiutano i giovani ad affacciarsi in maniera pacifica al mondo che lo circonda, lo omologa a tutto ciò che c'è là fuori, ovvero un mare di merda. Ecco, è così che nascono i Fanboy e i Fanatici, è così che nascono i tumori della nostra società. Sì la sto mandando troppo sul catastrofico adesso, non è certo per un coglione che si ostina a dire che COD (per i fortunati che non conoscono questa sigla, COD sta per Call of Duty) è il miglior gioco di sempre che il mondo va a puttane, ma è un avvertimento della scia di odio che c'è tra la gente. Pensateci bene, tutti i più grandi disastri dell'umanità sono dettati dal fanatismo: Le torri Gemelle,?Fanatismo Religioso. Le Innumerevoli stragi che succedono in America? Fantismo Politico di Fascisti di merda Reazionari del Cazzo. La Guerra in Iraq? Fanatismo Militare di quella merda di Bush. Tutte queste innumerevoli colpe di cui si è macchiata l'umanità sono dettate dal Fanatismo e dal non voler sentire i pareri degli altri, e tutti i casini che avvengono nel Web sono riproduzioni in piccola scala di ciò che succede nel mondo: Giappominkia di merda che insultano te e tutta la tua progenie solo perché hai detto che Sword Art Online fa schifo (e fa schifo sotto molti aspetti, fidatevi), Nabbi che non capiscono una beata sega che reputano merda qualunque altro videogioco dove si debba ragionare un po' di più e che non sia il solito punta e spara del cazzo (Che ci hanno rotto il cazzo con 'sti COD di Merda e tutti 'sti FPS), Metalloni che non accettano di ascoltare un po' di Jazz e un po' di Funk perché la reputano "Musica da Froci", di Jazzisti che non ascoltano il Metal perché è "La Musica del Demonio", e Coglioni che se ne vanno in giro per il Paesino di merda con la maglietta a collo alto a dire che Vita di PI (del mitico Ang Lee) è una rottura di Coglioni. Questa signori miei è la nostra realtà, e noi persone con una propria testa dobbiamo cominciare a rispondere a questi stronzi teste di cazzo in maniera ragionata, e dobbiamo soprattutto riuscire a Contestualizzare tutto ciò che affrontiamo nella vita di tutti i giorni, perché se reputiamo che un prodotto di un'artista sia sempre perfetto e di ottimo livello, finiamo col diventare prima Fanboy, e infine Fanatici! Io non sono Fan, sono estimatore di tante cose, ad esempio sono un grande estimatore dei Muse, ma non ho nessun problema a dire che The 2nd Law è una merda. Se io fossi veramente Fan dei Muse dovrei dire invece che è un capolavoro, ma non lo è. Punto. Perché contestualizzo, perché non mi fermo solo alle prime impressioni, e perché soprattutto provo le cose con MANO. Io posso dire che COD è banale perché ci ho GIOCATO. Posso dire che Transformers e Transformers 2 sono una cagata perché li ho VISTI. Posso dire che The 2nd Law è un Album inutile perché l'ho ASCOLTATO MILIONI E MILIONI DI VOLTE. Quindi cosa molto importante non date un giudizio senza aver provato voi stessi un prodotto, che sia Film o Videogioco, che sia Manga o Album. E infine mi ricollego alla questione dei Pink Floyd: i Pin Floyd hanno fatto tantissime cose buone e hanno contribuito moltissimo nel mondo della musica, ma come detto nel vecchio post non sono degli Dei, sono stati dei grandi musicisti che però hanno fatto tantissimi strafalcioni. Non tutti gli album dei Pink Floyd sono capolavori, il primo Album pubblicato da loro è Brit Pop di quello scialbo. Analizzate tutto di una Band, di un'artista o di qualunque cosa vi affascini. Perché io mi sono permesso di dire una cosa del genere sui Pink Floyd? Perché ho ascoltato praticamente quasi tutti gli Album, ecco perché. Quindi popolo della rete mi raccomando, non lasciatevi trascinare dalla corrente e siate sempre voi stessi. Noi ci vediamo al prossimo Post. Grazie per avermi ascoltato e CIAOCIAO.

giovedì 29 agosto 2013

Liberi di Leggere NOW! Libertà come non se ne vede più

Salve, popolo della rete. Anche questo post è fuori tema musicale, ma si allaccia perfettamente al mio stile di vita: essere libero e divertirsi. Queste due filosofie di vita sono per la maggior parte del popolo Italico non rispettate in quanto si tende, in tutte le situazioni, a imporre ad ogni costo i propri punti di vista e a tacciare come gusti di "merda" quelli degli altri senza nemmeno sapere qualcosa riguardo l'argomento che si sta insultando, nel mio caso, la Musica, i Fumetti, i Videogame e il cinema. Oramai sono anni che mando avanti una campagna promozionale per avvalorare le culture della Musica Indipendente, del Nu Metal, del Progressive, dei Fumetti, dei Manga, e di tutto ciò che mi appassiona e che le persone "acculturate" tacciano come feccia. Ma ci sono situazioni e posti in cui si possono esporre i propri gusti senza essere malmenati e disprezzati, e uno di questi luoghi è Liberi di Leggere Now! un nuovo gruppo aperto creato dalla geniale mente di Domenico Guastafierro, conosciuto ai più con l'acronimo Cavernadiplatone. E io ringrazio di cuore Cavernadiplatone per aver creato questo meraviglioso gruppo, accessibile su Facebook, perché ha come principio fondamentale proprio quellla che è la mia filosofia di vita: essere liberi e divertirsi. E' diventata in pochi mesi una realtà splendida e divertentissima, senza discriminare nessuno e senza il dovere di insultare a destra e a manca chiunque non la pensi al nostro stesso modo. E fa molto piacere vedere persone che condividono le tue grandi passioni e altre che nonostante non condividano i tuoi gusti le rispettano senza criticarle, perché la libertà di ognuno di noi (MOMENTO DI FILOSOFIA SPICCIOLA) inizia quando finisce quella di un'altra persona, e non dobbiamo mai invadere la libertà degli altri, cosa che la maggior parte della gente Italiana fa spesso e molto volentieri. In questo gruppo ho riassaporato la gioia di leggere Fumetti e Manga senza dover essere insultato, ho conosciuto persone meravigliose e gli Youtubers che seguo da una vita, e soprattutto ho incontrato il mio signore GAB, Unico Dominatore Dell'Universo Conosciuto E Non. Ho voluto elogiare questo incredibile gruppo perché mi rendo conto che molti che condividono i nostri gusti in parecchi casi sono Giappominkia o Nabbi di merda che insultano sotto i Video che vanno a toccare argomenti come i Videogame e Cartoni Animati Giapponesi. Invece in Liberi di Leggere NOW! tutto ciò non succede, ed è meraviglioso (Sto usando troppo volte meraviglioso, non credete?). Spero di avervi fatto capire quanto ami stare su Liberi di Leggere NOW! e spero di non avervi annoiato troppo. Alla prossima. CIAOCIAO

P.S. UBBIDITE A GAB, O VI BANNERA' DALL'UNIVERSO

Mi vergogno della mia generazione

Bentrovati, popolo della rete. Oggi con questo post voglio andare molto fuori tema e parlare un pochino di quella che è la mia generazione, ovvero quella del '94. Diciamo subito che la mia generazione ha i comportamenti più falsi e ipocriti di tutti quanti, e che crede nei valori più futili e nocivi più di qualunque altro. E' quindi facile intuire che io nella mia generazione non ci credo più, e che mi vergogno di farne parte. Ovviamente ci sono le eccezioni che dimostrano di essere persone giudiziose e piene di voglia di fare, ma mai come in questo caso sono le eccezioni che confermano la regola. Il problema principale della gente che ho incontrato in questi anni è che avevano in sé la pretenziosità di imporsi al di sopra di tutti gli altri e di fare ad ogni costo gli snob e di apparire persone adulte, quando era palese come la merda che calpesti passeggiando che era una montatura per celare la loro natura infantile e frignante. Hanno accusato me e molti miei amici di essere bambini che non hanno spirito di iniziativa, e forse sullo spirito di iniziativa li do ragione, ma sicuramente sul fatto del bambino c'è da discutere parecchio: di solito un bambino pretende tante cose, frigna quando non le ottiene, tartassa i coglioni fin quando non ha ciò che vuole, etc. Io avrei avuto un atteggiamento da bambino semplicemente perché adoravo leggere fumetti e manga e giocare ai videogame, e perché facevo battute fuori luogo in classe e non prestavo attenzione a quello che succedeva intorno durante le ore di lezione... Non so quante volte avrei voluto prendere un Machete e fare una strage. Poi, stranamente, gli atteggiamenti da bambini li assumevano loro quando qualcosa a scuola andava storto. Esempio a caldo: una di queste sceme in un compito in classe di Italiano prese 5, e si incazzo a bestia contro la professoressa e, inveendo contro di lei, disse "Io in 10 anni di scuola non ho mai preso un'insufficienza in Italiano!! GNE GNE" (quest'ultima frase forse l'ho aggiunta io =P). Credo che ormai sia assodato che l'atteggiamento infantile non sia sognare e giocare con la fantasia, che ripeto e ribadisco, rende la vita più piacevole, ma appunto quello di frignare come un poppante perché non si ottiene ciò che vuole. Per non parlare poi di quelle coppie scoppiate che non si capisce come facciano a stare insieme dopo mesi di bugie, tradimenti e roba varia. Infatti di questa cerchia faceva parte una ragazza che, nonostante i continui litigi col ragazzo, si ostinava e si ostina tuttora a rimettersi con lui, semplicemente perché pensa che il mondo non abbia di meglio da offrirle. E poi, poi poi poi, di nuovo loro, le saputelle del cazzo che si permettono di parlare di musica, cinema e quant'altro solo perché si credono chissà chi. La stessa ragazza del 5 in Italiano faceva parte anche di questa cerchia, e quando si metteva a parlare di musica mi veniva l'ulcera per quanto fosse insopportabile: era una di quelle fissate del cazzo con il movimento Hippie e con il '68, e che faceva l'alternativa del cazzo sfoggiando abbigliamento Vintage, ma stranamente portava l'I Phone 4S e la Reflex della Nikon sempre a portata di mano. Per non parlare poi degli "amiconi" di scuola, quelli che si fanno tanto i simpatici del cazzo e poi finito tutto non ti degnano più nemmeno di un saluto, anzi non ti cagano manco di striscio. Questa è la mia generazione, una generazione di ipocriti, di falsi moralisti, di voltafaccia, di rincoglioniti che non sanno nemmeno chi sia Prince, di falsi amici e false amiche, di idioti e idiote che vanno alla stessa università per stare insieme al ragazzo o alla ragazza, di sceme patentate che piangono perché hanno avuto 5 in Italiano, di borghesucci di merda che fanno gli alternativi, di gente che sbandiera a tutto il mondo di portare la cultura in Italia ma che poi si va a vedere il concerto di Jovanotti perché fa tanto figo, di saccenti di merda che non sanno nemmeno di che cosa stiano parlando ma parlano lo stesso perché così li hanno insegnato a scuola, di esseri stupidi come pantegane uscite dalla fogna che non capiscono nemmeno perché siano così stupidi, tanto ci pensa l'alcool a far dimenticare di essere rincoglioniti cronici. E' questo il mare di merda e demenza umana che io e i miei amici abbiamo dovuto sopportare per 5 anni di Liceo, che sono stati anni bellissimi dal punto di vista personale, ma che sono stati orribili per la vita scolastica. Sicuramente anche qualcuno di voi ha passato la mia stessa situazione e lo compatisco in pieno, ma adesso dobbiamo pensare in positivo, e andare avanti a testa alta perché ci siamo riusciti, perché ormai siamo fuori da quella merda e non ci torneremo più. Con questo, popolo della rete, concludo, io come al solito vi ringrazio per aver seguito un altro mio delirio sulla mia generazione ma ne avevo veramente bisogno, dovevo sfogarmi. Io vi saluto e ci vediamo al prossimo post musicale. CIAOCIAO

mercoledì 28 agosto 2013

Monografie Musicali - System of a Down

Bentornati popolo della rete a una nuova monografia musicale. Oggi si parla di una Band che ho adorato e che apprezzo tuttora per la loro ecletticità e per la loro indubbia qualità musicale. Oggi si parla dei System of a Down. Direi di iniziare subito con l'analisi dei loro dischi (Ricordo che quello che dirò sono considerazioni e analisi PERSONALI, ok?). Detto ciò, iniziamo!

- System of a Down
1998, in questi anni il Nu Metal sta esplodendo ai massimi livelli grazie a grandi Band come KoЯn, Limp Bizkit, Incubus, Primus (anche se i Primus non sono proprio Nu Metal) e così via. E in mezzo a queste contaminazioni di generi si ficcano con forza anche i System of a Down con il loro Album eponimo. Ma attenzione, definire i SOAD una band Nu Metal come quelle succitate è un errore madornale, e il perché è semplice: Il suono dei System non mescola generi differenti come il Rap e il Metal, ma utilizza un linguaggio, che è quello della musica, per raccontare una Cultura, la Loro cultura, quella Armena, attraverso suoni di generi differenti ma rendendoli un minestrone che è sempre diverso da lavori precedenti (Credo che solo Ill Nino siano riusciti nei loro primi album a fare quello che hanno fatto i System) e che è diverso dalla scena che li vedeva partecipi, ovvero quella Nu. Questo discorso può sembrare contraddittorio perché effettivamente il Nu Metal e quello che facevano i System è in teoria la stessa cosa, ma in pratica si ottengono situazioni completamente opposte, e lo dimostra il fatto che dopo Untouchables dei KoЯn la scena Nu Metal morì definitivamente, e portò le Band Nu a diventare Heavy Metal o a sfaldarsi completamente, mentre i SOAD hanno proseguito il loro discorso creandosi una scena differente, ovvero la loro, che non ha bisogno di essere etichettata e impacchettata in un genere, perché le loro canzoni contengono di tutto, dal Funky al Jazz, passando dall' Heavy Metal fino alla musica Etnica e Popolare. E tutto ciò è presente anche nel loro primo lavoro, che contiene tutto ciò che la Band porterà ed evolverà Album dopo Album. SOAD è un ottimo disco che non sente il peso degli anni e che si mantiene sempre intatto e fresco: I pezzi sono strani, complicati e Spiazzanti al primo impatto, e le doti dei membri della Band sono già altissime e senza bisogno di miglioramento significativi (tranne ovviamente la pulizia del suono). Tuttavia è un'opera prima e in quanto tale è molto sporca, anzi non sporca ma tremendamente Grezza, e che quindi deve essere limata, ma nonostante qualche sbavatura il lavoro è ottimo. Particolarmente significativa ed eccezzionale P.L.U.C.K, canzone che racconta in maniera cruda il genocidio del popolo Armeno, il primo sterminio di massa del '900. E ovviamente di quest'album vanno ascoltate anche tutte le altre canzoni. Piccolo consiglio: ascoltate in sequenza Suite Pee-Know-Sugar e vi renderete conto della follia e genialità musicale della Band, che crea con queste tre canzoni una suite incredibile. In definitva SOAD è un grande album che da la strada al capolavoro dei System.

- Toxicity
Come il primo, meglio del primo. Tutte le canzoni, TUTTE, sono diventati Cult e le conoscono praticamente tutti quelli che suonano uno strumento musicale o si intendono di musica buona: Chop Suey!, Toxicitiy, Aerials, Shimmy, sono tutte incredibili. Stavolta non c'è veramente nulla da dire il lavoro è di indescrivibile qualità e merita tantissimo: I SOAD hanno creato in questo disco Suite incredibili con soluzioni di continuità infinite (basti vedere i loro Live per capire cosa sto dicendo) compresse in tre minuti pregni di sonorità, stravaganza, estro Musicale e canoro, soprattutto canoro, e messaggi diretti e spiazzanti. Stavolta non c'è veramente niente da smussare e perfezionare, la Produzione è eccellente, il montaggio sublime e la qualità del suono incommensurabile. Un Album da avere, non da ascoltare, perché di qualità superiore anche di fronte a produzioni di grande impatto e rilevanza mediatica. Ecco potrei definirlo il The Number of the Beast dei System, il loro punto più alto che però la band, con i successivi lavori, non perderà.

- Steal This Album!
Il Titolo è già tutto un programma: I SOAD dimostrano che le tracce scartate da Toxicity sono profonde quanto le precedenti e dimostrano che tutti i loro lavori sono fatti con dedizione e impegno musicale. Infatti l'Album gira alla grande (per chi se lo chiede, Steal This Album! non è una raccolta di B-Sides, ma un vero e proprio album contenente canzoni che dovevano essere messe in Toxicity ma che non hanno avuto abbastanza spazio per essere inserite). Incredibili e spiazzanti come al solito, i System qui si divertono alla grande a sperimentare soluzioni di contaminazioni e di continuità riprese e riproposte in Toxicity in maniera ancora più fresca ed originale. Inutile dire che anche qui le canzoni sono incredibili, in particolare Fuck The System, Roulette e Chic 'n' Stu sono solo alcune delle canzoni nel disco, ma assicuro a tutti che tutto il resto è di ugual livello, basti pensare anche a Innervision, assolutamente incredibile. Un altro grande lavoro che segna il primo periodo musicale della Band, quello che i Media definiscono periodo "Nu", ma che di Nu ha solo l'idea di fondo, ma la resa finale è molto più complessa e incredibile.

- Mezmerize e Hypnotize
Il perché analizzi questi due Album è molto più semplice: sono due dischi tremendamente collegati e segnano il passo in avanti della Band, ovvero il passaggio dal periodo "Nu" al periodo "Politico". Ed è appunto in questo periodo che i System sfornano un Concept Album diviso in due parti, ovvero Mezmerize e Hypnotize. Questi due album vennero pubblicati con sei mesi di distanza e sono semplicementi fantastici. Come al solito la stravaganza e l'estro musicale si sentono alla grande, e a migliorare il tutto una componente Pop-Rock che rende i due lavori accessibili anche a un pubblico non proprio esperto. Nonostante la componente Pop i dischi contengono come al solito una grande ricerca a livello di suoni e sperimentazioni, con derive nello Ska, nel Funk, nel Jungle, nella Musica Etnica e nella Disco, il tutto accompagnato da una componente Heavy Metal eccezionale sotto tutti i punti di vista (Qui John Dolmayan ci regala una batteria superba, e Daron Malakian ci propone una chitarra superba e una inaspettata e bellissima voce). In defintiva due Album eccezionali che confermano la grande conoscenza musicale e culturale della Band, che ancora una volta non si identifica in nessun genere musicale. Le canzoni sono tutte eccellenti, sono scritte da Dio e montate in maniera eccezionale. Nonostante tutto però quelle che risaltano di più sono B.Y.O.B, Cigaro, Violent Pornography, Question!, Attack, Vicnity of Obsenity, Lonely Day, e la superba Soldier Side. Purtroppo però questi capolavori sono gli ultimi che la Band ci da, in quanto dopo questi Dischi e dopo il Tour decidono di sciogliersi per continuare la carriera solista. Ma non c'è da preoccuparsi, in quanto da qualche anno si vocifera che stanno pensando a un nuovo Album, quindi incrociamo le dita e speriamo in bene.

Ok popolo della rete, avete letto la Monografia Musicale dei System of a Down, vi ringrazio per avermi seguito e vi ricordo che potete iscrivervi per seguire i miei deliri musicali e non, e condividere su Facebook, Twitter e Google+ non è certo peccato mortale no? CIAOCIAO.

sabato 24 agosto 2013

Monografie Musicali - Avenged Sevenfold


Salve popolo della rete, oggi ho intenzione di cominciare una monografia sulle band musicali e di ragionare (IN MANIERA ASSOLUTAMENTE PERSONALE) sui loro lavori. Vorrei cominciare, siccome è uscito il nuovo album e siccome voglio chiarire una volta per tutte cosa ne penso su questa band, con gli Avenged Sevenfold. Allora chiariamo subito che gli Avenged MI PIACCIONO, e che reputo la sbandata di Hail to the King imperdonabile. PUNTO. Non voglio più ritrattare su questo argomento. Il perché mi sia incazzato così tanto riguardo quest'album non è tanto il fatto che è copiato, COPIATO, ad altre band del Metal mainstream, ma che non è un lavoro degli Avenged, ma di qualcuno svogliato e che è stato sicuramente pagato per fare questo progetto. Adesso che la premessa è finita, cominciamo ad analizzare gli album della band.



- Sounding the Seventh Trumpet
Le opere prime, si sa, non sono perfette, pochissimi artisti hanno fatto il grande album a inizio carriera (Jimi Hendrix, Frank Zappa, KoRn) e hanno in se la voglia di mostrare le proprie capacità alle Major. Non potevano essere da meno gli A7X che con Sounding the Seventh Trumpet non firmano certo un album grandioso, ma nemmeno un album gradevole visto che il 50% delle canzoni sono pessime. Lo stile si fa sentire, ricordo che uscì nel 1999, quindi in piena esplosione Nu Metal, ovvero dove il Metal classico prendeva una svolta molto più oscura e si apprestava ad intraprendere la via del Black, e dove quello sperimentale contaminava il rumore Bianco con Console da DJ, campionatori, percussioni e ritmi Latino-Americani e suoni tipici del Funk e della musica Nera in generale. Gli A7X si trovano in mezzo e concepiscono un album che è sicuramente Nu Metal nella mentalità, perché non è uguale né ai Metallica, né ai Pantera e nè ai Megadeth e non è uguale alla tendenza Black, ma non è (OVVIAMENTE) nemmeno il Nu Metal dei Limp Bizkit o degli Incubus, è più direzionato nella struttura e nelle sonorità delle canzoni al Grunge e al Noise, infatti mancano quasi del tutto gli assoli di chitarra. E' un album sparato a mille e incasinatissimo, in cui si sentono già i suoni tipici della Band ma che sono completamente offuscati dal voler mettere in bella mostra la tecnica. Unica canzone veramente ottima è Streets, in cui uniscono alla grande tutte le cose sparpagliate nell'album, ( ci fosse stato un grande assolo sarebbe un capolavoro ) e la ballad Warmess on the Soul, bella e calmissima. Il resto è tra il gradevole e il pessimo, anche perché registrato un po' a casaccio. Ma le premesse per fare bene ci sono tutte, e si capisce già dal primo album quale fosse la giusta strada da intraprendere.



- Waking The Fallen
Quest'album segna un mezzo punto di svolta per la band, perché entra definitivamente a far parte della formazione il talentuoso chitarrista Synister Gates, e perché intraprende la strada del Metalcore caratterizzando Waking the Fallen con tonalità molto cupe e scure, che li avvicinano (con le dovute eccezioni e precauzioni) ai Bullet for My Valentine e agli A Day to Remember. L'album in se non è male, porta alcune influenze sentite in ST7thT a un livello successivo e Synister si dimostra un grande chitarrista con le sue doti tecniche e i suoi assoli, ma non convince appieno la strada del Metalcore che nella maggior parte dei casi non concede libera interpretazione e contaminazione ( Tranne ovviamente Ill Nino, ma purtroppo non si nasce tutti Ill Nino). E' un album da ascoltare ma che non ha ancora quella scintilla che faccia esplodere completamente la band a livello di sonorità. Le canzoni più rilevanti e più belle sono UnHoly Confessions, Second Heartbeat e Clairvoyant Disease, soprattutto la seconda che contiene un assolo spettacolare di Synister, e in generale ha una base ritmica e di tonalità mostruose, davvero ottima. Il resto si lascia sentire senza infamia e senza lode.



- City of Evil
E arriviamo al capolavoro degli A7X. In assoluto il mio album preferito della band, qua si vede alla grande il salto di qualità della band che abbandona quasi del tutto le sonorità Metalcore per sposare uno stile che si rifà alla grande alle Band preferite del complesso Californiano, principalmente Pantera, Iron Maiden e Dream Theater. E' un album che non sbaglia mai un colpo, che ha tutto al posto giusto e che fa vedere cosa sono realmente capaci di fare gli A7X. Già la prima canzone, The Beast and the Harlot ti fa capire che ci troviamo di fronte al miglior lavoro sia dal punto di vista musicale che tecnico. Gli assoli sono un tripudio di duelli (che Synister Gates vince sempre) tra le due chitarre, una batteria veloce, precisa e di incredibile qualità, qui The Rev si concede virtuosismi nei cambi di tempo impressionanti, e una voce che per fortuna non adotta più lo Scream per concederci un Matthew Shadows grandioso ed elegante. Le contaminazioni si sentono a manetta e le canzoni sono tutte bellissime, non c'è scampo, è un album grandioso su tutti i punti di vista. Le migliori in assoluto sono (in ordine sparso) Sidewinder, M.I.A., Streght of the World, The Wicked End,  Beast and the Harlot, Bat Country e la meravigliosa ballad Sieze the Day. Non c'è niente da fare City of Evil merita alla grande.



- Avenged Sevenfold
Un album, strano, talmente tanto strano che i molti fans che aspettavano un City of Evil 2.0 sono rimasti delusi. Avenged Sevenfold segna un passo ancora più in avanti rispetto al precedente lavoro dal punto di vista sperimentale, portando la Band a soluzioni e contaminazioni da vari generi (Folk Rock, Power Metal, Ska, sonorità tipiche dei film di Tim Burton, etc.) e avvicinandoli di conseguenza a Band "Prog" (No, stavolta non ai Dream Theater) come Rush e Journey (SEMPRE dal punto di vista delle sperimentazioni, no a livelli di suoni, perché ci troviamo su un altro pianeta di un'altra galassia di un altro Universo). Come al solito, andando contro corrente su tutti, l'album mi è piaciuto molto, non come City of Evil ma ho apprezzato tantissimo la voglia di provare nuove vie musicali da parte degli A7X. Ovviamente ai più le canzoni che sono piaciute sono Afterlife, Almoust Easy, Gunslinger e A Little Piece of Heaven. Io vado come sempre in culo ai pregiudizi dei Metalloni del cazzo e dico che Tutte le canzoni sono belle, perché hanno tutte un qualcosa di differente e affascinante, e l'album si fa ascoltare che è un piacere, stavolta c'è ancora più intesa tra i membri della Band e la produzione questa volta ha permesso che gli Avenged Sevenfold ci dessero il loro album più personale. Un buon lavoro che viene convalidato dalle sempre più meravigliose Ballad Dear God e Gunslinger, davvero struggenti e romantiche (A modo loro). Ovviamente come detto prima quest'album non l'ha apprezzato nessuno perché non c'era abbastanza Metal, e quindi i fans di merda piangono, mentre io invece rido alla grande e mi godo un grande album (forse l'ultimo veramente degno di apprezzamento).



- Diamonds in the Rough
Questo disco non lo considero nemmeno un vero e proprio Album, visto che di solito gli album ufficiali di una band non hanno cover e versioni rimasterizzate di vecchie canzoni, specie se così recenti come Afterlife e Almoust Easy. Di questo Diamonds in the Rough non si salva molto, come detto in tutti gli album la Ballad è impeccabile (Until the End) e le uniche canzoni veramente degne di nota sono Tension, con sonorità veramente Prog, che strizzano l'occhio ai Dream Theater, e Crossroads, che sarà un imput molto importante e (Dannatamente) sfruttato nel lavoro successivo. In definitiva una raccolta di B-sides che fa felice solo il Fan sfegatato, dato che a impreziosire questa raccolta piuttosto merdosa c'è l'eccellente Live in the LBC, davvero una lieta sorpresa, visto anche il livello incredibile che la Band raggiunge quando suona i suoi pezzi dal vivo.



- Nightmare
Non c'è bisogno nemmeno di raccontare le vicende Pre-Nightmare, ma per quelli che non conoscono la storia: The Rev è morto, e il mondo compiange nel 2009/2010 un grandissimo batterista, e gli A7X perdono un loro fratello che gli aveva accompagnati per tutti quei meravigliosi anni fatti di musica, concerti, bevute e grandi risate. E così, quello che doveva essere un viaggio epico e travolgente si trasforma in un tragitto verso un nuovo suono fatto di tristezza e lacrime versate per James Sullivan. Così mi piace pensare Nightmare, un Dark Concept Album concepito per commemorare la prematura scomparsa di The Rev. Dal punto di vista umano il lavoro è encomiabile, è in assoluto il lavoro più tormentato della band e quello più personale e fragile, ma dal punto di vista musicale è un muro, duro, spessissimo e dannatamente cupo. Nightmare acquista così una doppia valenza che lo rende un Album veramente difficile da apprezzare in toto, perché il più delle volte il lato umano della band sovrasta il lato musicale ed è piuttosto complicato ascoltare in modo critico. Ma per fortuna, dopo l'Hype mostruoso che mi venne quando sentii che il mio Batterista preferito, (era anche il batterista preferito di The Rev) Mike Portnoy, avrebbe registrato le parti di batteria di Nightmare, e dopo un primo, un secondo, un terzo, un quarto, un milionesimo ascolto dell'album, posso dire che Nightmare riprende le sonorità di Waking th Fallen aggiungendo contaminazioni dei precedenti album e dando (purtroppo) una leggerissima ma sempre presente sensazione di "già sentito". Con questo non sto dicendo che Nightmare sia un brutto album, anzi, è un album ben fatto, che fa il suo lavoro, ovvero commemorare The Rev, in maniera eccelsa, ma che da anche un pochino di delusione, dato che riprende un lavoro precedente che non aveva grandi qualità, se non l'eccelsa tecnica di Synister e le parti ritmiche eccezionali. Un album molto controverso che ha venduto un casino (è l'album più venduto degli A7X) ma che non ci da gli A7X energici ed eccezionali che eravamo abituati a sentire. Come al solito le Ballad sono eccezionali, hanno raggiunto il culmine della perfezione, sono straordinarie, e i pezzi più coinvolgenti sono appunto quelli più "sperimentali" come Nightmare, Danger Line, Fiction e Save Me (la partitura di batteria di questa canzone l'ha completata Mike Portnoy e sente delle influenze tipiche dei Dream Theater). Un buon Album che però fa presagire a qualcosa di nuovo, che però (Dal MIO punto di vista) non è stato raggiunto per niente nel lavoro successivo.



- Hail to the King
Su questo album non ho più molto da aggiungere, dato che tutto quello che avevo da dire l'ho già detto nell'articolo precedente a questo. Una commercialata bella e buona, fatta per spillare Big Money ai fanboy e che ha deluso parecchi miei amici appena uscito. Non tutti sono rimasti scontenti di HttK però, c'è qualcuno che ci vede qualcosa di buono, infatti non smentisco che alcune idee presenti nelle canzoni non erano male, ma sono state sfruttate malissimo, e l'unica canzone che mi ricorda gli A7X è Planets, ma non basta una canzone appena sufficiente a farmi rivalutare completamente un'album che, come detto nel post precedente, fa acqua da tutte le parti. Non si salvano nemmeno la Ballad, che non mi trasmettono praticamente nulla, sono piattissime e le ho già sentite da milioni di parti una cosa del genere, e mai mi sarei aspettato che gli Avenged avrebbero fallito in una Ballad, visto che sono i loro pezzi che da inizio carriera non avevano mai calato, anzi, erano sempre migliorate. Un album di transizione che spero sia l'unico passo falso della band.




Bene popolo della rete, io ho finito la Monografia sugli Avenged Sevenfold, spero abbiate apprezzato nonostante la lunghezza, e spero che qualcuno di voi abbia capito che gli Avenged mi piacciono, e potranno anche fare album merdosi, ma non posso rinnegare il fatto che adori la band nelle sue indubbie qualità. Ci vediamo a un prossimo Post. CIAOCIAO

giovedì 22 agosto 2013

Avenged Sevenfold - Hail to the King, ovvero il teatrino delle Major


Ebbene sì, popolo della rete, oggi si torna a parlare di nuovo di Hail to the King, il nuovo album degli Avenged Sevenfold. Il perché mi ostini a farmi sempre del male fa parte della mia idiozia che mi convince sempre che forse qualcosa di buono, in qualsiasi cosa, che sia un album, un film, o anche una persona, c'è... questa volta no, perché se nel caso di The 2nd Law ( dei "FURBISSIMI" Muse) qualcosa si salvava, nel caso di Hail to the King, mi duole ammetterlo, non si salva niente. In questo momento vi chiederete: "Gianfro, ma come hai fatto ad ascoltare Hail to the King se non è ancora uscito?". Beh, la risposta risiede in un proverbio che dice "L'occasione rende l'uomo ladro". E così, in largo anticipo, ho potuto mettere mano sul nuovo lavoro della band Californiana, e forse avrei dovuto aspettare la data di uscita, perché il colpo è stato molto più doloroso di quanto avrei mai potuto immaginare. Hail to the King è come si suol dire in questi casi, un contentino a quei fanboy che comprano praticamente qualunque cosa abbia stampato sopra il nome AVENGED SEVENFOLD, una mera manovra commerciale scialba, sfatta e svogliata. E' un album che ricicla a piene mani Nightmare, che è il loro album più venduto ma anche più banale ( Piccola informazione: tra qualche giorno comincierò la monografia degli Avenged, in cui parlerò di tutti i loro album ) e ci uniscono il peggio del Metal sciatto e stantio che abbiamo cominciato ad ascoltare dai tempi di un album con la copertina nera e un serpente di una Band che ha definitivamente dato il colpo di grazia all'Heavy Metal quando ancora poteva dire qualcosa. Ma addentriamoci ancora di più per capire il perché Hail to the King faccia completamente acqua: innanzi tutto non sono gli Avenged, ma un'unione mal riuscita dei Nickelback dei Pantera, dei Metallica e degli Avenged stessi. Secondo le canzoni sono svogliatissime, e soprattutto sono la copia di parecchie canzoni del Metal Mainstream: Esempio caldo, andate ad ascoltare la prima canzone, Sheperd of Fire, con Enter Sandman e poi ditemi cosa ne pensate, avete ancora il coraggio di dire che gli Avenged sono originali? Quindi un Songwriting doppiamente insensato e noiosissimo. E infine, la ciliegina sulla torta: il Batterista è una totale Aberrazione, non usa quasi mai la doppia cassa ed ha la stessa valenza che aveva Stefano D'Orazio nei Pooh. Gli Avenged avevano dalla loro Grandi Batteristi , The Rev era un grandissimo talento e Mike Portnoy aveva onorato la sua memoria dando una prestazione eccellente e allo stesso tempo personale (Save Me, la canzone finale di Nightmare, ha molto delle tipiche sonorità Prog del Leggendario Batterista), ma questo nuovo Membro della Band (Ahahahah, ho detto Membro XD) lo insulta dando delle esecuzioni mosce e degne di Gruppi come i Good Charlotte, di cui sono anche amici tra l'altro . Qualcuno ha osato dirmi che però gli assoli di Synister Gates sono grandiosi: primo, non sono grandiosi, ma gradevoli, secondo, la cioccolata in mezzo al letame risalta di più, ma non vuol dire che sia oro. In conclusione Hail to the King penzola da tutte le parti, ha le sonorità scontate e banali che la band ci propina album dopo album e ha idee che potevano essere rese alla grande e che invece scadono nel ridicolo e nel vergognoso. Lo scarto assoluto delle Major che rovinano sempre Band Promettenti per renderle uguali a quelle che vendono di più. Non vi dirò tanto sulle canzoni e non vi darò dei voti perché non si salverebbe niente, è uno di quegli Album da non apprezzare assolutamente per fare bene nella Vita, nelle Amicizie e nella Musica. Ascoltatele, stanno già su Internet in streaming, e capirete a cosa mi sto riferendo. In definitiva, La delusione, più di The 2nd Law. Ma la domanda che sorge ora è: "Gianfro, ma comprerai Hail to the King?". Cazzo, certo. Devo avere la discografia completa, e se ho comprato perfino Systematic Chaos dei Dream Theater, posso comprare praticamente qualunque cosa. Bene, voi cosa ne pensate di Hail to the King, vi ha deluso, vi ha eccitato come delle verginelle in calore? Fatemelo sapere in un post qua sotto, noi ci vediamo tra qualche giorno con la monografia sugli Avenged Sevenfold.




P.S. Gli Avenged Sevenfold non fallivano mai nelle Ballad

venerdì 16 agosto 2013

cazzeggiando d'estate: i manga, i film e i gruppi musicali più cazzari per combattere il caldo

Salve popolo della rete. Sapete, detto sinceramente d'estate non ho voglia di leggere, ascoltare e vedere cose impegnate, per quello c'è tutto il resto dell'anno, quindi, per rimediare al caldo estivo, ecco una selezione bella fresca di manga, film e musica (OVVIAMENTE QUESTA LISTA E' ASSOLUTAMENTE ED ESCLUSIVAMENTE PERSONALE, NON ROMPETE IL CAZZO OK?!?!?!) senza darvi grandi spiegazioni, perché se vi racconto tutto quello che succede che cazzo li andate a scoprire?

BENE! INIZIAMO!:

Manga

- Toriko (Mazzate per gran gourmet con il cacciatore di pietanze più sborone e divertente di Shonen Jump. Buon appetito!)

- Bastard!! (La grande epopea di Dark Schneider, grandissimo mago e grandissimo porco sessista con manie di grandezze imprigionato nel corpo di un bimbetto. grande Humor, tantissima azione e tante, ma tante TETTE)

- Raoh, il conquistatore del cielo (Le origini del re di Hokuto scritto e disegnato dal grandissimo Youko Osada, "Le migliori mani levate dall'animazione" secondo il modesto parere di Cavernadiplatone)

- Le Bizzarre Avventure di Jojo-Diamond is Unbreakable (Premettendo che Jojo andrebbe letto tutto, il 4° capitolo delle avventure della famiglia Joestar è un concentrato di botte ragionatissime, spettacolari ed emozionanti, con uno dei cattivi più carismatici e incredibili degli Shonen, Yoshikage Kira. Non ho ancora finito di leggerlo ma è veramente tanta roba)

- Trigun (Uno dei migliori manga del 2000 torna in una nuova edizione che raccoglie i primi due volumi che introducono la figura di Vash The Stampede, l'uomo con una taglia da 60.000.000.000 di $$ (sessanta miliardi di doppi dollari) grandi sparatorie e tantissimo Humor demenziale Giapponese)

- Dragonball (Il manga che tutti avrebbero dovuto leggere una volta nella vita, il manga con i combattimenti più belli di sempre, non c'è nient'altro da aggiungere, E' DRAGONBALL PORCA PUTTANA)



Film

- Ted (Dal creatore dei Griffin, una commedia demenziale divertentissima e politicamente (ma non troppo) scorretta con protagonista un orso di peluche parecchio figlio di puttana. uno spasso assoluto)

- Una Notte Da Leoni-La Trilogia (L'epopea comica definitiva. Risate a crepapelle e la figura demente di Alan rendono i tre film di Una Notte Da Leoni un tripudio di battute, situazioni surreali e ridicolissime)

- Arma Letale-La Saga (Vi ricordo soltanto che in Arma Letale 2 c'è una bomba nel cesso)

- Grindhouse-A prova di morte (Un grande film di Tarantino con un grandissimo e ritrovato Kurt Russell nel ruolo di Stunt-man Mike. Grandissima regia per il film più "facile" a livello di trama del grande regista)

- Grosso guaio a China-Town (Un grandioso film del maestro John Carpenter. Un lavoro magistrale che il 90% delle persone non ha cagato ma neanche di striscio)

-The Avengers (Un cinecomics divertente ed esaltante, grandiose scene e un cast di supereroi da capogiro: Iron Man, Thor, Capitan America, Hulk, Occhio di Falco, La Vedova Nera e Nick Fury interpretato da quel grandissimo di Samuel L. Jackson)

-Pacific Rim (Kojima l'ha definito il film per gli Otaku definitivo e non aveva torto: Del Toro porta su schermo quello che Michael Bay e soci non sono mai riusciti a portare, ovvero grandiose battaglie tra Robottoni e Mostri giganti. Spettacolare e divertentissimo)


Musica

-Kutso (Divertentissima e bravissima band Romana, andateli a sentire sono deliziosi)

-Elio e le Storie Tese (LA band comico-demenziale Italiana di riferimento: L'Album Biango l'ho messo perfino nel Meglio, ma anche tutto il resto della band è assolutamente fantastico e divertente da ascoltare)

-Foo Fighters (La band capitanata dal grandissimo Dave Growl è fose l'ultima vera Rock Band che può definirsi tale a livello di Major. i loro ultimi lavori sono eccellenti album di puro Rock bello da ascoltare in qualsiasi situazione)

-Daft Punk (Non poteva mancare il duo di DJ preferito dal sottoscritto: Discovery e Random Access Memories sono grandiosi lavori che possono essere fruiti da tutti, senza per forza avere una conoscienza musicale ampissima, davvero meravigliosi)

-Red Hot Chili Peppers (Grandi disci, grandi canzoni, per una delle band che ha segnato la mia pre-adolescenza. Mentre gli altri ascoltavano merda con la M maiuscola, io ascoltavo i Red Hot. PUNTO)


Bene ragazzi, io ho finito, se ci sono altri film, altre band e altri manga facili da leggere scriveteli sotto il post. Ci vediamo. CIAOCIAO

giovedì 15 agosto 2013

Meglio e Peggio (musicalmente parlando) 2011/2013 - Considerazioni finali

E infine siamo giunti alle conclusioni riguardo ciò che è uscito a livello musicale dal 2011 al 2013. La prima cosa che salta subito all'occhio è che nel Peggio c'è più merda che negli anni precedenti, e che soprattutto il Peggio è peggiorato, e il Meglio non è migliorato, perché nel Meglio c'è per la maggior parte gruppi e artisti che hanno tantissimi anni di esperienza alle spalle, e pochissimi nuovi arrivati, mentre  l'esatto opposto accade nel Peggio. La colpa è da cercare non solo in MTV, nelle Major che pensano alla musica come ad un buisness che come ad una passione, ma soprattutto nei giovani e nelle nuove generazioni, che rispondono in maniera positiva a queste cazzate ancestrali e che permettono ai potenti di farsela mettere nel culo per poter vedere la solita Boy Band del cazzo o il solito artista coglione. Io stimo a bestia per esempio Ozzy che in un'intervista rispose che non sapeva chi cazzo fosse Justin Bieber, perché 'sto canadese della minchia non è un'artista, è un pezzo di merda che guadagna cifre assurde senza combinare una cazzo, UN CAZZO! E quindi DAJE con Taylor Swift, Macklemore,  Flo Rida, i Modà, Marco Mengoni, Marco Carta, Valerio Scanu, KE$HA, Le Serebro, che meriterebbero di stare in tangenziale, Alessandra Amoroso, Emma, Marracash, Fabri Fibra, Emis Killa, Fedez, Moreno, Vasco che non si ostina a ritirarsi (piccola parentesi, ha rinunciato Guccini a suonare e scrivere musica, e questo ancora si ostina!!!) e Ligabue che non lo sopporto più, Jovanotti e i Negramaro che si sono venduti pure loro per fare soldi. Io ho imparato a odiare la musica, sia straniera che Italiana grazie a 'sti artisti dei miei coglioni, per non parlare di quelli che ascoltano musica, che sono diventati dei coglioni e dei fissati mitomani di merda. Tutti a spalare merda sul Metal che è satanico, sul Rock Demenziale che è da coglioni e sulla musica indie perché è da depressi. E qui arriviamo a un punto topico, ovvero che sono i giovani stessi, chiusi nei loro bei comparti stagni, a fare il male maggiore: c'è il drogato di merda che ascolta solo e solamente pezzi Raggae del cazzo sempre uguali e sempre tritacoglioni, c'è il figlio di papà borghesuccio del cazzo che cerca di darsi un tono dicendo di ascoltare musica alternativa, che poi si risolve sempre (e stranamente vorrei aggiungere) con lui che ascolta sempre e solo Wish You We Here dei Pink Floyd, c'è invece il metallone del cazzo, che è quello che odio di più perché è il genere di ascoltatore musicale che mi si para sempre di fronte, che oltre ad ascoltare il solito Metal scassa palle e monotono (fateci caso, il metallone tipo o ascolta solo Pantera o ascolta solo Rammnestein, oppure tutti e due, oppure un gruppo sconosciuto che conosce solo lui e di cui ha anche la maglietta) ci accompagna anche uno strumento musicale, e quindi abbiamo il Metallone Batterista che non sa usare minimamente la doppia cassa e che pesta sui tamburi (Paolino questa è tutta per te, tanto non lo leggerai mai 'sto post. P.S trovati un lavoro) il Metallone chitarrista che non sa fare nè la ritmica nè gli assoli, il Metallone bassista che sta sempre a percuotere ripetutamente e senza il minimo senso del ritmo le corde del basso, e il Metallone cantante che non sa cantare, ma solo urlare. E poi, poi poi poi, ci sono le ragazzette del cazzo, quelle che cominciano ad ascoltare una canzone di De Andrè e si credono alternative, che cominciano a fumare e a fare le donne vissute quando ancora c'hanno la puzza di latte del biberon, a fare quelle che vogliono andare assolutamente a Londra ma che non sanno un'ACCA di Inglese, che sono antipatiche una cifra e c'hanno il ciclo infinito, che ti danno dell'infantile quando non capiscono che sognare ad occhi aperti non significa essere bambini, ma significa godersi un po' di più la vita (poi stranamente quando c'è una situazione di disagio si lamentano di continuo andando a piangere dalla mamma, BOH, poi siamo noi musicisti e appassionati VERI di musica i bambinoni). Da queste considerazioni potete capire che non ho una grande stima per le altre persone, perché in fin dei conti non la meritano, e nella maggior parte dei casi nemmeno la vogliono, ma ci sono persone che invece meritano grandissimo rispetto nel campo della musica, e sono i musicisti veri, che si spaccano il culo cercando di migliorare sempre di più e dandoci spettacoli e canzoni meravigliose ed uniche. Purtroppo però queste grandi persone stanno diminuendo sempre di più. Oramai, come dicono i Linea 77, "La musica è finita". Spero di non avervi ammosciato troppo con questo discorso ma ci tenevo a farlo, dovevo sfogarmi un po'. Noi ci rivediamo con un prossimo post qui sul mio Bizzarro Blog. CIAOCIAO

mercoledì 14 agosto 2013

Meglio e Peggio (musicalmente parlando) 2011/2013 - Meglio

E continuiamo con la classifica del Meglio. Cominciamo con quello che probabilmente è il disco Italiano più bello degli ultimi 5 anni, ovvero L'Album Biango di Elio e le Storie Tese.


Elio e le Storie Tese li conosciamo tutti, nei loro pezzi c'è la Maestria di grandi Musicisti unita a una satira e a una comicità pungente e senza mezzi termini che è diventata il loro marchio di fabbrica. Non andavano a Sanremo da anni, era da La Terra dei Cachi che non partecipavano, ma quest'anno finalmente ci degnano della loro presenza al festival più falso e prevedibile di tutta Italia e portano un pezzo, ma un pezzo, che diventa un tormentone incredibile, La Canzone Mononota... Successo BESTIALE, premi a non finire e un eccellente riscontro di critica e di pubblico, ma cos'è veramente La Canzone Mononota? Come detto prima è una Critica, una letterale presa per il Culo a tutto il Panorama Musicale Italiano che continua anno dopo anno a sfornare merde su merde sempre uguali. Quindi la Musica qui in Italia è diventata MONOTONA in poche parole, perché monopolizzata da vincitori di Amici e cazzi vari privi di eterogeneità, e Elio e le Storie Tese sanno che la situazione ha raggiunto definitivamente il fondo, quindi che fanno? Dimostrano che si può fare un grande pezzo, cambiando 4 volte su 3 i tempi e passando dal Funk alla Samba senza alcun problema (e qui vedi l'estro tecnico del gruppo, Christian Meyer sei un mostro), facendolo girare su un solo accordo, quello di DO. Questa cosa ovviamente non l'ha capita nessuno, perché come detto nel Peggio la massa, specialmente quella Italiana, non capisce mai un cazzo e si fa infinocchiare alla grande dalle case discografiche. Comunque oltre alla Canzone Mononota l'album gira alla grande: le canzoni sono tutte belle, difficilmente ho visto un lavoro del genere fatto da un'artista o un complesso del mio Paese, a parte nel campo della musica indipendente. Dannati forever, Il complesso del 1 Maggio, Il Ritmo della Sala Prove, Enlarge (Your Penis) valgono sempre e comunque il prezzo del CD, per non parlare di Amore Amorissimo e Luigi il Pugilista. Ottimo, davvero un ottimo lavoro.







 Proseguiamo con i Dream Theater, che paradossalmente l'anno scorso sfornarono un ottimo album, A Dramatic Turn of Events, in assoluto il miglior album post-Octavarium della band e il primo album senza Mike Portnoy alla batteria. Il CD contiene Canzoni molto buone, eccetto alcuni pezzi un pochino troppo allungati e alcune canzoni non proprio esaltanti (Lost not Forgotten un ottimo esempio, poteva risolversi benissimo in 7/8 minuti e invece ne dura 11) ma tutto il resto si assesta su ottimi livelli. On the Backs of Angel è ispirata, certo copiatissima nella struttura a Pull me Under  ma inaspettatamente fresca e coinvolgente, per non parlare dell'assolo di Jordan Ruddess, che si riscopre alla grande e ci regala una Tastiera Fantastica. Seguono a ruota libera una fantastica Bridges in the Sky e Outcry, anche se quest'ultima soffre del fatto che è stata allungata parecchio e (come detto per Lost not Forgotten) che poteva risolversi in 7/8 minuti. Assolutamente magistrale e maestosa l'accoppiata Far From Heaven e Breaking All Illusion, che segna il ritorno dopo Train of Though dello schema "Ballad+Suite Strumentale" presente per la prima volta in Images and Words (Waiting for Sleep+Learning to Live). In conclusione A Dramatic Turn of Events è un ottimo album Progressive Metal, che non raggiunge certamente i livelli di Scenes from a Memory o Six Deegres of Inner Turbulence, ma si assesta su ottimi livelli e che restituisce ai fan quello che aspettavano da anni, ovvero il suono e il gusto nella scelta di Melodie Composite ma allo stesso tempo Emozionanti che I Dream Theater avevano perso, e che a quanto pare hanno perso di nuovo con The Enemy Inside.





Ritorniamo nella musica Italiana per parlare un po' del panorama Rap. Ormai è cosa nota e arcinota che il Rap a livello di Major è morto e sepolto, e Moreno, insieme a Emis Killa, a Fedez e ai Club Dogo con quel vomito di PES li hanno dato la zappata finale. Ma, come in "La Notte Dei Morti Viventi" del Grande Romero il Rap è uscito dalla tomba in maniera sporca, grezza e cattivissima, grazie alla Vecchia Scuola (Bassi Maestro, Ensi e Kaos One) e grazie anche a Machete. E qui chiudo tutto.



Perché Machete è ufficialmente riuscita a farmi rivalutare completamente il mio personale pensiero sul Rap Italiano, grazie soprattutto alla figura di Salmo. E infatti Machete Prod. si merita un bel Triplete nel Meglio grazie a Machete Mixtape Vol. I e Vol. II e grazie anche a Bloody Vynil Mixtape Vol. I del mitico DJ Slait. questi tre mixtape sono ottimi sotto ogni punto di vista e vedono partecipazioni di lusso di artisti come Rocco Hunt, Bassi Maestro, Ensi, Clementino Iena White, Madman e tanti altri. Ovviamente grande spazio alle nuove leve che vanno alla Grandissima. Menzione speciale va a  Nitro, che pur essendo uscito da quella merda di Spit si è subito discostato e per ripicca ci fa pure un pezzo in cui prende per i fondelli il programma di MTV. Quindi un ottima Machete Prod.



E già che ci siamo parliamo di Death USB e Midnite di Salmo, due dei migliori album Rap usciti in questi anni. Salmo in Death USB è incazzatissimo, se la prende con tutto e tutti; questo lavoro ha il sapore dell'Apocalisse, della fine completa, non c'è salvezza, perché "Anche alla Fine del Mondo i Leccaculo avranno un posto in prima fila" per il Rapper Sardo. Death USB ha suoni cupi, sporchi, e quasi tutti di origine Dubstep, con i bassi droppati al massimo e sporchissimi, ma non quello sporco di polvere, no, è quasi unto, viscido, quello sporco che sai di toccare tutti i giorni ma che se ci pensi ti fa uno schifo incredibile, ecco Death USB (almeno per me) mi da la sensazione di uno sporco, lo sporco Italico fatto di minorenni molestate dai preti e dei politici che ce la mettono perennemente nel culo, che non si leva più per quanto è accumulato, davvero un album che muove rabbia e violenza. Certo non è un capolavoro, perché i capolavori sono ben altri, ma raggiunge livelli veramente alti.

E poi Midnite. Qui Salmo abbandona la maschera, ma non la cattiveria e il gusto per il macabro: cambia la faccia ma non cambia un cazzo in definitiva, perché Salmo mantiene il suo modo di vedere le cose. Rispetto a Death USB il tono è molto più maturo e per certi versi serioso, non serio, non confondiamo le cose. In ogni caso Midnite è un eccellente disco di buon Rap, e va ascoltato pensando al fatto che Moreno si crede più forte e più bravo di questi che lo fottono in un millisecondo, PUNTO. Siccome non sono ancora contento ci infilo due album che hanno veramente il Prog nel sangue, ovvero Nine dei Circus Maximus e The Raven That Refused To Sing di Steven Wilson.







Su questi non ho da dire molto, se no che i Dream Theater dovrebbero prendere esempio da loro per ricominciare a fare belle canzoni. I primi soprattutto rispecchiano una giusta commistione di Prog, Rock classico, un pizzico di Pop ed Heavy Metal di quello fatto bene, cioè non quello contemporaneo per intenderci, davvero un grandissimo disco che va ascoltato e ascoltato.

Invece Steven Wilson è uno spettacolo mostruoso, riprende tutto quello che Frank Zappa ha portato nel panorama della Fusion e del Progressive Rock e lo eleva alla grande. Un Album talmente Bello e, come dire, Onirico, che non ho fatto altro che pensare: Cazzo, questo è meglio anche dei Pink Floyd. E non sto esagerando. A proposito dei Pink Floyd ci tenevo a fare una piccola parentesi riguardo il concerto di Roger Waters all'Olimpico: Ragazzi, non esaltatevi, non avete visto altro che il solito spettacolo dei Pink Floyd senza i Pink Floyd (metà della band è morta),  io sono rimasto di sasso quando ho letto di alcuni che hanno scritto su Facebook: Lo Spettacolo più bello della mia vita, il miglior Concerto Live di sempre... OH! avete visto uno spettacolo che avevano già fatto tanto tempo fa e che è stato riproposto senza i Pink Floyd, tratto dall'album più Mainstream e meno Sperimentale dei Pink Floyd. Basta! E' questa un'altra pecca dei giovani di oggi, tendono a mitizzare troppo quando non si dovrebbe fare, i Pink Floyd non sono divinità, Roger Waters non è Dio sceso in Terra, piuttosto vanno ringraziati per aver fatto tante cose buone ma poi basta cazzo! E poi Frank Zappa, riconosciuto da tutti come IL Compositore più prolifico e più grande del 20° Secolo e considerato da tutti i musicisti come il NUOVO MOZART non viene cagato da nessuno, e Frank Zappa era molto più sperimentale e pazzo dei Pink Floyd, poco ma sicuro. Perché i Pink Floyd hanno veramente sperimentato fino a quando c'era quel Genio di Syd Barrett, dopodiché è arrivato il momento Ammoscia Palle con quel Deficiente di Gilmoure.



E arriviamo infine con il Miglior Album dell'anno, ovvero Random Access Memory dei Daft Punk.



 Io sono rimasto sbalordito dalla bellezza di quest'album e dall'amore dei Daft Punk per gli anni '70/'80, è semplicemente magnifico, non sbagliano un colpo, sono perfetti, le collaborazioni sono fantastiche e Giorgio by Moroder è uno dei pezzi strumentali più belli che io abbia mai sentito. Questo significa essere un complesso attivo da tantissimi anni e sapersi rinnovare lavoro dopo lavoro. Perché i Daft Punk cambiano in continuazione, non si fermano mai, ragazzi vi faccio presente che tutti i suoni e gli effetti sono composti con il Moog Modular, completamente in analogico, comporre tutto un Album usando un Moog Modular è davvero da grandi e pazzi Artisti. in Assoluto la più Grande sorpresa dell'anno e in assoluto il Miglior Album dell'anno. Non ho parole, sono dei Geni completi, e meritano di essere il duo di DJ migliore di tutti i tempi (alla faccia di Skrillex, TIE'!). In definitiva Random Access Memory merita di essere ascoltato e ascoltato milioni e milioni di volte. Bene, io ho concluso, spero che questa raccolta vi sia piaciuta e ci rivediamo al prossimo post, che siccome mi sono stancato di scrivere sarà il resoconto finale del Meglio e del Peggio di questi anni. CIAOCIAO

venerdì 9 agosto 2013

Meglio e Peggio (musicalmente parlando) 2011/2013 - Peggio

OK popolo della rete, cominciamo subito e cominciamo alla grande stilando quella che, dal mio esclusivo punto di vista, è la classifica del meglio e del peggio uscito dal 2011 al 2013 nel Mercato Musicale. E direi di iniziare dal Peggio, in quanto di cose da dire ce ne sono molte, anzi troppe. Che dire, in assoluto il fattore peggiore di questi anni è il pubblico degli ascoltatori, non c'è dubbio, perché si sa, la massa nella maggior parte dei casi non capisce mai una sega, soprattutto se supportata da format, MHHH, come dire, Del Cazzo, come MTV, che ci propina ogni stramaledettissimo giorno programmi con sedicenni in cinta, condotti da sedicenni in cinta per sedicenni in cinta, e nel mezzo ci buttano i nuovi artisti del momento, questi nuovi "DIVI". Vedendo un po' cos'è diventata MTV si capisce alla grande il perché di tanta imbecillità nelle menti dei GGGiovani (cit. Yotobi) che ormai di musica non capiscono un beneamato cazzo, e quelli che dicono di capirne sono quasi tutti isolati a comparti stagni e chiusi a nuove contaminazioni. PUNTO. Ormai si pensa più ad ascoltare un certo tipo di musica per poter apparire fighi o alternativi, e non perché piace un certo genere musicale. Un esempio lampante sono gli ormai onnipresenti e scassa-coglioni Truzzi, Tamarri e Metallari di ogni sorta.Come detto prima, oramai il popolo degli ascoltatori è morto, ed è morto insieme ai gruppi e agli artisti di oggi. E direi di cominciare con l'ambasciatore della merda musicale di adesso, l'idolo delle coglioncine di scuola media (e purtroppo anche più grandi) che vorrebbero farsi inseminare da questo effeminato, credo avrete capito tutti di chi sto parlando, mi sto riferendo a Justin Bieber e della sua ultima fatica estratta direttamente dal suo cesso: Believe.


 Non mi soffermo su quanto le canzoni siano ignobili, ma sul fatto della figura Justin Bieber, che ha subito una metamorfosi per niente naturale e decisamente sconvolgente (da tutti i punti di vista eh). Facciamo un piccolo resoconto: un ragazzino Canadese diventa famoso su YouTube con le sue canzoni, viene notato dalla Universal, la quale decide che l'ultimo barlume di dignità nel campo della musica deve essere distrutto, e in seguito scoppia il caso Bieber, con la sua odiatissima e banale "Baby", odiata dalla maggior parte dei buoni intenditori di musica, sempre più pochi in questi anni bui. Evidentemente il successo ha dato molto alla testa a questo idiota patentato che comincia a sbandare a più non posso con droga, alcol e festini in cui Dio solo sa cosa diavolo succede. Voi direte "e allora? Anche Freddie Mercury faceva queste cose, sei un ipocrita". Io non sono un ipocrita e voi siete delle troie. Freddie Mercury ha vissuto in un'Epoca in cui non vi erano tutte le Libertà che ci sono adesso, e se le abbiamo lo dobbiamo a un movimento Giovanile iniziato anche da persone com lui, mentre 'sto coglione non solo non capisce un cazzo di musica, perché prestarsi a cantare  una canzone come Boyfriend non ne devi capire veramente un cazzo, senno ti fermeresti e diresti: "Cazzo, questa canzone è un'offesa a tutti quei musicisti che fanno musica buona! Meglio tornare in Canada meh e finirla con questa boiata" ma viene mostrato ai più come un grande artista e come un Ragazzo ambito dalle ragazzine  OH!!! MA STA SCHERZAMO!?!?!? Ormai osanniamo tutti i maggiori esempi negativi come delle Divinità, e gli Esempi Positivi non sappiamo nemmeno dove sono di casa.



Bene, mi sono soffermato troppo su Bieber, proseguiamo la discesa parlando di una delle Band più famose degli ultimi dieci anni, ovvero i Muse.



 Ebbene sì, i Muse nel Peggio, perché The 2nd Law non è semplicemente una cagata fotonica come lo è Believe, ma ha di più la pretenziosità di sembrare un grande album. Paradossalmente in un paragone esce vincitore Believe, perché per lo meno le canzoni sono prodotte da dei pezzi di merda e Bieber ci mette la faccia per fare soldi, mentre The 2nd Law le canzoni sono state scritte da Muse stessi! Ancora più ignobile di Believe, ed è incredibile essere i Muse e fare peggio di Justin Bieber! The 2nd Law è stato fatto per scalare la Classifica e si vede dalle Canzoni, a cominciare da Supremacy che rasenta il plagio di Kashmir dei Led Zeppelin, continuando per Madness, Copia di I Want to Break Free, passando per una gradevole quanto inutile Panic Station. Ecco se dovessi riassumere in una frase The 2nd Law, la frase perfetta sarebbe : "Rasenta il plagio". in tutto e per tutto, non sto scherzando. Mai una band mi aveva deluso così tanto come mi hanno deluso i Muse. Ed è insopportabile il fatto che ormai la Band Inglese si sia messa in testa di voler diventare "I Nuovi Queen", basti ascoltare Prelude e Survival per capire che è similissima a una Innuendo o a una Bohemian Rapsodhy. Ah quasi mi dimenticavo di Big Freeze,  UGUALISSIMA a una Canzone qualsiasi degli U2! Io non ho veramente parole. Una delusione assoluta.


 E continuando a parlare di delusioni non posso certo non dare spazio agli Avenged Sevenfold. L'ultimo album, Nightmare, è stato un successo clamoroso che la band non aveva da un bel po' di anni, complice anche la morte prematura del batterista The Rev, e la partecipazione straordinaria di Mike Portnoy dietro i tamburi. finita la collaborazione con il leggendario ex batterista dei Dream Theater gli Avenged trovano un ottimo rimpiazzo con cui continuano il tour mondiale e cominciano a scrivere e registrare il nuovo lavoro in studio, Hail to the King. Le premesse per un ottimo album c'erano tutte, fino all'uscita del pezzo omonimo...


 Na schifezza. In tutto e per tutto. Questa nuova canzone non è ignobile, peggio, è praticamente un quazzabuglio tremendamente edulcorato di una canzone dei Pantera unita a una dei Metallica unita a Thunderstruck degli AC/DC. Stavolta mi duole ammetterlo ma faranno un flop clamoroso perché manca proprio l'essenza di una canzone Metal contemporanea, la doppia cassa è andata a farsi benedire, la voce è rimasta bene o male la stessa ma è tutto il resto che manca. E il problema sapete quel'è? Che sto parlando Male di un Successone per quel che pensano i Fan. Un' altra grandissima delusione.



 E per coronare il triplete delle delusioni non posso non parlare dei Dream Theater, che dopo l'abbandono di Portnoy avevano fatto uscire un buon disco e avevano preso come batterista Mike Mangini. Forti di un bel successo di critica e un ottimo riscontro da parte dei fan, in questo anno hanno prodotto il disco che ha come titolo il nome della Band stessa, e in questi giorni hanno lanciato il primo estratto di questo nuovo disco, The Enemy Inside

 Il titolo fa capire già tutto, "Il nemico all'interno", infatti il nemico peggiore dei Dream Theater in questo singolo sono i Dream Theater stessi. Una canzone Metal così banale e anonima non la sfornavano dai tempi di Costant Motion, e Costant Motion fa cagare, ma cagare brutto! Riff sentiti e strarisentiti che annoiano sin dal primo ascolto, la voce di Labrie è moscia e fuori contesto in ogni singolo secondo, le tastiere sono tornate a non farsi sentire, insomma è tornato tutto ai livelli di Systematic Chaos. E' ancora troppo presto per bocciare questo nuovo album, è uscita una sola canzone in fondo, ma già da questa The Enemy Inside comincio ad avere un bruttissimo presentimento, tipo quello che ti assale quando hai la diarrea e il bagno è occupato.


       E concludo mettendo come il peggio del peggio Moreno, il vincitore di questa edizione di Amici


Parliamoci chiaro, Moreno è solo un Burattino che quegli stronzi di Amici hanno usato per poter entrare perfino nel mercato del Rap e poter ottenere dei guadagni monetari. Però se da un lato riconosco il fatto che il Talento Canoro di molti Vincitori di Amici è indiscusso, qui mi sento di dissentire sul talento di Moreno nel Rappare. Ora mi dovete Stracazzo spiegare perché uno che fa una canzone come "BOMBA" in cui non usa neanche una rima, e in cui usa perfino le Strofe di Canzoni di altri Cantanti e Gruppi Italiani è un Genio Innovatore del Rap. Ho fatto questa domanda a una ragazzina che impazzisce per questo tizio e vi giuro, la sua risposta è stata questa: "Almeno lui non usa le parolacce nelle sue canzoni"... AH?!?! Ma seriamente?! Cioè, tu credi di essere meglio degli altri perché non usi le parolacce? MA VAFFANCULO TE E QUELLO ZOMBIE DI MARIA DEFILIPPI CON IL SUO PROGRAMMA DI MERDA!!!!
MARIAAAA, TI DEVI SPAVENTAREEEEE!!!!!!!!!

Quindi, popolo della rete, questa è la classifica del peggio che è uscito in questi anni, se c'è qualche altro artista o gruppo che ho dimenticato scrivetelo sotto il post, noi ci vediamo fra tre giorni con il meglio e con il resoconto finale di queste due classifiche. CIAOCIAO

giovedì 8 agosto 2013

Presentazioni e premesse

Salve a tutti popolo della rete! Il mio nome è GianMarco, in arte Gianfro, e questo è il mio blog. devo essere sincero, non ho la minima idea di come si usi un blog, ma credo che abbia le stesse funzioni di un sito internet o di un forum, quindi credo che imparerò presto a usarlo. il mio blog parlerà dei deliri mentali che invadono la mia testa, ovvero musica, musica e ancora musica, ma anche di argomenti che mi interessano, come il cinema, i libri, videogiochi e fumetti. Quindi, dato che le presentazioni sono concluse, non mi resta che concludere questo post augurandovi buon divertimento. ciaociao